ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SUL PDF SCARICABILE GRATUITAMENTE NELLA COLONNA DI SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA PAGINA CHE SI APRE.


mercoledì 20 ottobre 2021

Reclama il tuo potere!

Il sottotitolo di questo libro recita: «Un percorso di 40 giorni per sciogliere i blocchi nascosti che ti imprigionano e prosperare finalmente nello scopo della tua vita».

 

Questa immagine NON è tratta dal libro.

Oggi vi propongo questo libro di 300 pagine dell’autore americano Mastin Kipp, famoso negli Usa ma quasi sconosciuto qui da noi. Questi scrittori e conferenzieri un po’ particolari li andiamo a scovare apposta per voi, perché siamo convinti che dentro un libro possa nascondersi il prossimo passo sul cammino verso sé stessi. Se non è la non-dualità... è la magia, se non è la via del guerriero... è quella della sessualità... o del denaro. Ognuna delle nostre serrature interiori viene aperta con una chiave differente.

Tratto dalla Prefazione: «Immagino che cosa sarebbe successo se qualcuno mi avesse messo tra le mani questo libro quando avevo ventidue anni invece di quarantaquattro. [... ...] Questo libro mi avrebbe aiutato a smettere di scappare dal fallimento, permettendomi di correre verso le cose importanti.

Non che scappare dal fallimento non funzioni: io ho guadagnato sei milioni di dollari all’età ventisei anni perché ero terrorizzato dal fallimento. Li ho anche persi tutti a ventotto, perché temevo di fallire. La paura è un motivatore terribile. Quello che ho imparato sul mio percorso, e che il libro di Mastin spiega in modo eloquente, è che le tue paure più profonde sono invisibili e guidano il tuo comportamento ogni giorno senza che tu lo sappia. Non è una questione di debolezza: è perché siamo cablati così. Esiste una montagna di documentazione scientifica che lo conferma e che Mastin ha consultato per arrivare a ideare un programma così efficace».

 

Alcune frasi tratte dal libro di Mastin Kipp:

«In un mondo piatto, io sono un discepolo della profondità. Con il mio lavoro vado in luoghi in cui molti non possono (o non vogliono) andare: alla radice della sofferenza umana. Quindi sono molto serio quando dico che questo libro è una mappa di vita proveniente dalle trincee. Se fino a ora non hai ottenuto risultati, probabilmente è perché ti sei focalizzato sui sintomi di quello che ti tiene bloccato, ma non sei andato alla radice.»

«All’identità della vittima corrisponde un certo stato emotivo. Se ti identifichi come una vittima, cadi in una sorta di trance, ed è così che vedi il mondo. È come dire: «Io sono la mia ferita» e il resto del mondo concorderà con te! Troverai altre persone ferite che giustificheranno la loro identità basata sulla ferita e rimarrete insieme, feriti e bloccati indefinitamente. La tragedia è che, oltre a fare questo, ti taglierai fuori dal tuo Scopo.»

«Oggi potrebbe essere un giorno di sfida. Inizierai a vedere in che modo hai consentito a persone con le migliori intenzioni, e che potresti amare con tutto il cuore, di essere tue complici nell’impedirti di vivere il tuo Scopo. Va bene così. Sebbene tu possa essere sconvolto o frustrato nei confronti di coloro della cui approvazione in passato avevi bisogno per sopravvivere, alla fine, il boccone più difficile da mandar giù è che sei stato TU a ostacolarti. Puoi anche proiettare le tue frustrazioni su di loro, ma in realtà la persona verso cui provi frustrazione o rabbia sei proprio TU.»

 

Lo slogan della Antipodi Edizioni recita: LIBRI DA METTERE IN PRATICA, se lo hai solo letto, non lo hai davvero letto. Reclama il tuo potere è proprio un libro da mettere in pratica. Leggete tutti i capitoli seguendo l’ordine con cui sono esposti e fate tutti gli esercizi che vi sono consigliati.


 

Intanto leggete con attenzione l’indice e decidete se è un libro che fa per voi:

INDICE

I PARTE: SEPARAZIONE

1° GIORNO: Perché sei morto?

2° GIORNO: Perché il momento giusto per cambiare è adesso?

3° GIORNO: Identifica i comportamenti e le storie limitanti che ti ostacolano

4° GIORNO: Scopri le emozioni negative alla base delle storie che ti ostacolano

5° GIORNO: Scopri le credenze limitanti che ti mantengono morto

6° GIORNO: La causa alla radice

7° GIORNO: Come la causa alla radice ha interrotto la tua crescita

8° GIORNO: I tuoi meccanismi di adattamento

9° GIORNO: La tua mappa dell’approvazione

10° GIORNO: Adesso non si torna indietro

 

II PARTE: INIZIAZIONE

11° GIORNO: Comunque, che cos’è lo Scopo?

12° GIORNO: Scopri il tuo Scopo

13° GIORNO: Perché il tuo Scopo ti è sfuggito

14° GIORNO: Trovare il coraggio di cambiare – Adesso

15° GIORNO: La tua gerarchia del potere

16° GIORNO: Smantellare la tua vecchia gerarchia

17° GIORNO: La tua nuova gerarchia

18° GIORNO: È ora di dedicarti a te!

19° GIORNO: Affidati al tuo creatore

20° GIORNO: Fai agli altri

 

III PARTE: ORDALIA

21° GIORNO: Morte, fatti sotto!

22° GIORNO: Il vantaggio di lasciar andare tutto

23° GIORNO: È tempo di crescere

24° GIORNO: Assumiti la responsabilità della tua vita

25° GIORNO: Come intralci il tuo percorso e come smettere

26° GIORNO: Come smettere di vendere l’Anima

27° GIORNO: Affronta la tempesta

28° GIORNO: Perché l’umiltà è essenziale nel tuo percorso

29° GIORNO: Il prezzo dell’inazione

30° GIORNO: Rimetti tutti i risultati nelle mani di Dio

 

IV PARTE: RITORNO A CASA

31° GIORNO: Incontriamo il tuo Cuore

32° GIORNO: Obiettivi con uno Scopo

33° GIORNO: L’anello mancante per realizzare i tuoi obiettivi con Scopo

34° GIORNO: Definisci la missione della tua Anima

35° GIORNO: Un programma pieno di Scopo

36° GIORNO: Il permesso di prosperare

37° GIORNO: Reclama la tua visione

38° GIORNO: Creare credenze con Scopo

39° GIORNO: Passa il favore

40° GIORNO: Ripeti il procedimento e dedica la tua vita a questo viaggio

 

Acquistalo su MACROLIBRARSI:

https://www.macrolibrarsi.it/libri/__reclama-il-tuo-potere.php?pn=166

Acquistalo su IL GIARDINO DEI LIBRI:

https://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__reclama-tuo-potere-mastin-kipp-libro.php?pn=130

 

È ordinabile anche in tutte le librerie.

 

Salvatore Brizzi

[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]

 

 

 

 

Link per vedere il video-promo della

PRIMA LEZIONE DEL CORSO DI RISVEGLIO:

https://www.youtube.com/watch?v=iNlmnnlu1BE

 

Link di acquisto della PRIMA LEZIONE:

https://www.ilgiardinodeilibri.it/video-streaming/__corso-di-risveglio-1-video-seminario-streaming.php?pn=130

 


 

 

PAGINA DI PRESENTAZIONE DEL LIBRO

COME LIBERARSI DALLA MANIPOLAZIONE

http://www.salvatorebrizzi.com/2021/06/come-liberarsi-dalla-manipolazione.html

 


 

 

 

IO SONO IL PADRONE DELLA MIA ANIMA

il nuovo libro di Salvatore Brizzi

http://www.salvatorebrizzi.com/2020/12/io-sono-il-padrone-della-mia-anima.html

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi le frasi che pubblico ogni mattina su TWITTER:

https://twitter.com/salvatorebrizzi

Guarda il mio profilo su LINKEDIN:

https://www.linkedin.com/in/salvatore-brizzi-1793b378

Dai uno sguardo alle immagini che pubblico su PINTEREST:

https://it.pinterest.com/dracodaatson/boards/

Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK:

https://www.facebook.com/salvatorebrizzifanpage/

 


giovedì 14 ottobre 2021

Un giorno di preghiera e digiuno

«Voglio cambiare le loro menti, non ucciderli per la debolezza che è in tutti noi. La legge deve entrare in vigore dal 6 aprile, voglio invitare la nazione a farne un giorno di preghiera e di digiuno.»

Questo dice Gandhi, nel film dedicato a lui, riferendosi al 6 aprile 1930, il giorno dell’entrata in vigore della “legge sul sale” in India, una legge imposta dagli inglesi.

 

Una frase piuttosto interessante. Lui voleva preparare un’azione non violenta, poiché con un’azione violenta avrebbero ucciso degli inglesi, sì, ma solo a causa della debolezza degli indiani stessi, cioè dell’incapacità degli indiani di farsi rispettare e farsi valere come popolo. Tentare di liberarsi uccidendo degli inglesi, significava lanciare un segnale di debolezza, non di forza.

Che la via della violenza esterna non sia percorribile, l’ho già specificato differenti volte (il mio testo Manuale di insurrezione si concentra proprio su questo punto) e ci viene confermato dalle cronache di questi giorni: ogni azione violenta provoca una reazione sempre più repressiva da parte del sistema.

SI VINCE PRIMA DI COMBATTERE. La guerra deve dapprima essere vinta interiormente, solo questo garantisce il successo. Sfruttiamo il valore aggiunto della nostra anima, per tenere a bada una stirpe di lucertoloni vuoti.

Gli atti sociali devono essere simbolici e provenienti dall’anima, non violenti e scomposti, cioè dettati da bassi impulsi malgestiti.

Questo 15 ottobre rappresenta una tappa essenziale – anche se non ancora l’apice – di un processo di asservimento che è in atto sul pianeta da innumerevoli anni. La politica e l’informazione non c’entrano nulla con tutto questo, loro sono unicamente strumenti di qualcosa di più profondo che sta avvenendo nell’oscurità.

Non dobbiamo preoccuparci per l’esito finale. Dobbiamo però agire senza esitazione e in maniera non emotiva, come un qualunque guerriero o una qualunque guerriera che vogliano dirsi tali.

Il 15 ottobre facciamo un giorno di preghiera (o meditazione) e digiuno... e non andiamo sul posto di lavoro (o meglio... ci presentiamo e ci facciamo respingere, lo scopo è non perdere il posto di lavoro). E se lavoriamo da casa ci rendiamo irreperibili. Se non riuscite a digiunare per 24ore potete sempre fare un digiuno di 12 ore, dall’alba fino al tramonto, e mangiare qualcosa dopo.

Questo invito, sia ben chiaro, è rivolto anche a chi ha già accettato il green pass. Chi si è già fatto punturare il deltoide deve scioperare non per sé stesso, bensì per solidarietà verso un’idea: non è giusto che io subisca una verifica sanitaria per svolgere il mio lavoro. Lavorare ed essere pagato per il lavoro che svolgo è un mio diritto, che nessuna pandemia può cancellare, mai. Un concetto chiaro e semplice. Non vi siete accorti che il virus non c’entra più nulla oramai da almeno un anno, ma si sta svolgendo un attacco dei grandi poteri finanziari nei confronti delle nostre libertà fondamentali? Una discriminazione simile non è stata concessa nemmeno ai tempi dell’AIDS.

Se dico di sì adesso... cos’altro mi verrà chiesto in futuro?

UN GIORNO DI MEDITAZIONE/PREGHIERA E DIGIUNO PER DARE UN SEGNALE. Non è necessario pregare o meditare per ore consecutive, ritagliatevi degli spazi lungo la giornata. Non è indispensabile scendere in piazza e far vedere a tutti cosa stiamo facendo (decidete voi se farlo pubblicamente o meno). Si sta a casa, si prega, si digiuna... e non ci si rende reperibili sul lavoro. In questo modo agiamo direttamente sul sistema economico, senza trovarci faccia a faccia con gli agenti che questo sistema devono difenderlo (e comunque anche loro, per solidarietà verso i lavoratori, possono aderire). Senza alimentare lo scontro orizzontale. Vi garantisco che la simbologia è importante, gli atti simbolici possono cambiare il mondo.

Dal momento che avete la possibilità di stare a casa senza essere licenziati, io vi consiglio di sfruttare al massimo questa occasione. Per chi ha il giusto coraggio (=sa agire con il Cuore) e vuole proseguire nell’azione di insurrezione, si tratterebbe di resistere qualche mese per capire cosa succederà a partire da gennaio 2022. Può essere che una volta raggiunto il loro primo scopo (la puntura a tappeto) ci sia un allentamento della presa, prima del prossimo attacco. Ma d’altronde, resistere a oltranza era un problema che dovevano affrontare anche i nostri padri e i nostri nonni quando scioperavano negli anni ’60 e ’70.

Non siamo da meno di coloro che ci hanno generato.

Siamo intrappolati dentro un fottuto film di fantascienza, con tanto di lucertoloni che hanno invaso la Terra e un sistema globale che vuole usare le masse come bestiame: produci-consuma-crepa.

Non abbiamo davvero niente da perdere.

Io lo faccio.

Salvatore Brizzi

[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Leggi le frasi che pubblico ogni mattina su TWITTER:

https://twitter.com/salvatorebrizzi

Guarda il mio profilo su LINKEDIN:

https://www.linkedin.com/in/salvatore-brizzi-1793b378

Dai uno sguardo alle immagini che pubblico su PINTEREST:

https://it.pinterest.com/dracodaatson/boards/

Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK:

https://www.facebook.com/salvatorebrizzifanpage/

 

martedì 12 ottobre 2021

Un episodio di quotidiana perfezione

Ero al semaforo davanti a una stazione. Mentre aspettavo il verde stavo cercando di fare queste tre cose contemporaneamente: tenere la borsa coi documenti in equilibrio sul troll (io non ho un trolley, ho proprio un troll che mi porta i bagagli), prendere una mentina dal marsupio, leggere l’orario esatto sul biglietto del treno.


Ci stavo anche riuscendo bene, senonché l’asse terrestre improvvisamente si deve essere raddrizzato, il troll perde l’equilibrio (nonostante i suoi piedoni da troll), ben due mentine sfuggono in un tombino e fanno perdere le loro tracce, la mia borsa cade dal troll e precipita sul marciapiede. Insomma, un disastro!

Un ragazzino che stava giungendo in bici alle mie spalle e si accingeva ad attraversare la strada con spirito garibaldino, frena bruscamente, ostacolato proprio dalla mia borsa appena caduta!

In quel momento passa una macchina che rasenta il marciapiede a pochi centimetri da noi, perché l’autista era passato col giallo - quasi rosso - e per evitare un’anziana signora desiderosa di abbandonare le sofferenze dell’incarnazione, aveva sbandato leggermente nella nostra direzione. Se la mia borsa cadendo non avesse fermato il ragazzino in bicicletta, quasi sicuramente sarebbe stato investito. Per carità, niente di grave, in quanto probabilmente da grande diventerà un ciclista, monopattinista, green, ecosolidale, sostenibile, autoelettricista, gretathunberg-feticista, sinistroide, ecc. ecc. Tuttavia, evidentemente, questo non era il suo momento.

L’impavido ragazzino baciato dalla fortuna, mi guarda un attimo indispettito e riprende la sua corsa, ma invece di scartare di lato la mia borsa, ci passa sopra con la bici! Non essendosi accorto dell’azione salvifica svolta in realtà da quell'evento, nella sua testa ancora poco avvezza al pensiero razionale... la mia borsa è stata percepita come un ostacolo e io come lo stupido che l’aveva fatta cadere.

«Bel ragazzino!» grido io «perché non ti fermi un attimo che ti faccio una foto? Non s’è mai visto un somaro su una bicicletta!»

Il cucciolo microcefalo frena e mi risponde pure: «Guarda... non ti dico niente perché potresti essere mio padre!»

«Col mestiere che ha sempre fatto tua madre... può anche essere che io sia tuo padre!» gli rispondo io (una vecchia battuta di origine toscana che sognavo di fare da una vita! Grazie ragazzino!). Ma lui è già ripartito.

Adesso... a parte gli scherzi... questa è la perfezione. E basta prestare un po’ di ATTENZIONE per scorgerla. Tutto l’universo è un puzzle perfetto, dove ciò che sembra un errore in realtà salva la vita a qualcuno. Allo stesso tempo, se quella persona ha una visione limitata delle cose, pensa che tu l’abbia danneggiata anziché salvata. Se tu spingi via una persona che cammina in maniera distratta e sta per cadere in un tombino aperto... questa persona si arrabbia perché l’hai spinta!

Si può salvare solo chi già percepisce di essere in pericolo. È una regola dell’esoterismo.

Questa volta il collegamento era evidente e immediato, ma può accadere che le conseguenze di un evento si manifestino dopo giorni... e magari dall’altra parte del mondo!

Ma il punto non è questo. Fin qui siamo ancora nell’ambito del banale ragionamento mentale riguardo la perfezione dell’universo. L’emozione superiore - l’apertura di Cuore - che ho immediatamente provato, rappresenta invece il contatto con un altro mondo. Solo questa è l’autentica canalizzazione dello spirito. Un “diverso modo di pensare”, per quanto prezioso, non è ancora autentica liberazione.

La commozione che ho provato dopo l’episodio con il ragazzino... è la grazia di Dio che è scesa nella materia. Questa è la perfezione: vedere come la Vita salva una vita attraverso un tuo errore... e come allo stesso tempo quella vita non può provare riconoscenza perché non sa di essere stata salvata!

Finché non lacrimano gli occhi, non è né libertà né verità.

Salvatore Brizzi

[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]

 

 

 

Link per vedere il video-promo della

PRIMA LEZIONE DEL CORSO DI RISVEGLIO:

https://www.youtube.com/watch?v=iNlmnnlu1BE

 

Link di acquisto della PRIMA LEZIONE:

https://www.ilgiardinodeilibri.it/video-streaming/__corso-di-risveglio-1-video-seminario-streaming.php?pn=130

 


 

 

 

 VIDEO-PROMO DEL LIBRO

COME LIBERARSI DALLA MANIPOLAZIONE:

https://www.youtube.com/watch?v=3NeA61i-ucA


PAGINA DI PRESENTAZIONE DEL LIBRO

COME LIBERARSI DALLA MANIPOLAZIONE:

http://www.salvatorebrizzi.com/2021/06/come-liberarsi-dalla-manipolazione.html

 


 

 

IO SONO IL PADRONE DELLA MIA ANIMA

il nuovo libro di Salvatore Brizzi

http://www.salvatorebrizzi.com/2020/12/io-sono-il-padrone-della-mia-anima.html

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi le frasi che pubblico ogni mattina su TWITTER:

https://twitter.com/salvatorebrizzi

Guarda il mio profilo su LINKEDIN:

https://www.linkedin.com/in/salvatore-brizzi-1793b378

Dai uno sguardo alle immagini che pubblico su PINTEREST:

https://it.pinterest.com/dracodaatson/boards/

Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK:

https://www.facebook.com/salvatorebrizzifanpage/