ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SUL PDF SCARICABILE GRATUITAMENTE NELLA COLONNA DI SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


martedì 14 maggio 2019

I livelli della coscienza


Questa è la triste storia di una fioraia di Bassano del Grappa.
Davanti al suo negozio di fiori, dall’altra parte della strada, c’è un’aiuola piena di erbacce, usata come cesso dai cani del quartiere... o meglio, dai loro padroni (nel senso che sono loro a non raccogliere le cacche dei loro animaletti, i quali talvolta stazzano anche diverse decine di chili).

Quella vista – e soprattutto quella puzza – irritano non poco la sensibilità della nostra fioraia, alla quale viene un’intuizione da fioraia: piantare dei semi e trasformare quello spazio indecente in un’aiuola colorata, piena di piante e fiori. Lo fa e il risultato è ottimo. Ma commette un errore madornale: comunicarlo “in via informale” al Comune. Subito l’indolente amministrazione pubblica non fa nulla, ma presto arrivano al municipio alcune segnalazioni dai condomini dirimpettai, sdegnati del fatto che la nostra fioraia abbia «occupato un terreno che appartiene a tutti per fare pubblicità indiretta al suo negozio».

Pressato dalle lamentele, il Comune deve intervenire col “pugno di ferro”, per dare l’esempio, affinché tale malsana abitudine non dilaghi fra gli altri cittadini! Multa quindi la fioraia, autrice per sua stessa ammissione (avendo fatto la famosa comunicazione) del misfatto silvestre: 1.436 euro per occupazione abusiva e prolungata di suolo pubblico.

In questa vicenda s’intravedono un paio di lezioni da imparare. Primo: se sei nato sulla Terra (e in particolare in Italia), quando fai le cose... falle da furbo: o fai una richiesta ufficiale al Comune e attendi un paio d’anni che giungano le relative “autorizzazioni a procedere”, oppure non dire niente a nessuno e vai nottetempo a buttare qualche seme in clandestinità, fingendo che a portarli siano stati i venti dell’est.

Secondo: quando ti muovi tieni conto del livello di coscienza di chi ti circonda (sempre perché ti sei incarnato sulla Terra... e in particolare in Italia). Il senso del possesso... che fu pre-alessandrino... è duro a morire: i dirimpettai della nostra fioraia preferiscono la puzza di merda all’“occupazione abusiva” perpetrata dall’operosa commerciante. In altre parole, meglio qualche metro quadrato di terra puzzolente – ma che sia solo mio e nessuno me lo può toccare – che un’aiuola fiorita, però creata da qualcuno che percepisco come un “invasore del mio territorio” e che magari ci guadagna pure in visibilità per il suo negozio.

Già, perché – altro punto importante – a un certo livello di coscienza non solo ciò che è mio non può essere condiviso, ma io non sono nemmeno in grado di gioire della fortuna del mio prossimo: la sua fortuna è per me una disgrazia, mentre la sua disgrazia è per me una fortuna. Mors tua vita mea. Una (ipotetica) maggiore visibilità per il negozio di fiori viene percepita da alcune persone come fastidiosa. Volgarmente la chiamiamo invidia, come fosse un difetto, ma sotto c’è un atteggiamento che è del tutto normale per una coscienza in parte ancora “bambina”. E non puoi fare uscire qualcuno dall’invidia “a comando”, se questa caratteristica psicologica deve ancora far parte del suo sviluppo.

La mia non è infatti una critica ad un comportamento sociale, bensì un tentativo di consapevolizzarvi riguardo le diversità dei livelli di coscienza presenti sul pianeta. Fra voi e il vostro vicino potrebbe esserci un abisso. La maggior parte degli italiani (la maggior parte dell’umanità) ragiona – e ragionerà ancora a lungo – secondo questi processi di pensiero. Quando si tratta di religione, politica, educazione, informazione... si deve semplicemente prendere atto di questa situazione.

Salvatore Brizzi
[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]





APPUNTAMENTI DA SEGNALARE

19 Maggio – VICENZA
Seminario
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
Come l’ombra agisce sia nella società che dentro di noi
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  geaofficinadellanima@gmail.com

26 Maggio – RIMINI
Seminario
DALL’INTELLETTO ALL’INTUIZIONE
Creare un rapporto magico fra anima e personalità
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  gcgiardinodeilibri@gmail.com   
Tel.:   0541 23774

30 Giugno – MODENA
Seminario
DALL’INTELLETTO ALL’INTUIZIONE
Creare un rapporto magico fra anima e personalità
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  info@centroculturalelalbero.org
oppure 335 6684108

14 Luglio – AOSTA
Seminario
DALL’INTELLETTO ALL’INTUIZIONE
Creare un rapporto magico fra anima e personalità
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  paola_amail@libero.it
oppure 333 5293020





GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
LEADERSHIP SPIRITUALE
di Salvatore Brizzi
a questo link
 



GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
di Salvatore Brizzi
a questo link



GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
LA VIA DEL DISCEPOLATO
di Salvatore Brizzi
a questo link




GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
LE SETTE INIZIAZIONI
e come prepararle
di Salvatore Brizzi
a questo link






Leggi le frasi che pubblico regolarmente su TWITTER:


Guarda il profilo su LINKEDIN:


Dai uno sguardo alle nostre immagini su PINTEREST:


Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK:
https://www.facebook.com/antipodiedizionidisalvatorebrizzi/



giovedì 9 maggio 2019

I veri artisti non fanno la fame


Jeff Goins ha scritto un libro di cui c’era davvero bisogno e la Antipodi Edizioni è orgogliosa di averlo portato in Italia. Da quando Marco Montemagno in un suo video ha fatto un’appassionata recensione della versione inglese del libro ( https://www.youtube.com/watch?v=oNI687kwhr0 ), noi ci siamo concentrati sull’acquisto dei diritti di traduzione perché, ci siamo detti, queste cose hanno bisogno di sentirle (soprattutto) gli italiani, i quali sono per tradizione artisti molto attivi... ma davvero poco propensi a monetizzare la loro arte, come invece sanno fare bene gli americani.
Ma lasciamo parlare il testo...

« È proprio necessario che l’artista sia povero e maledetto? Perché il giovane artista di oggi prende a modello di vita Arthur Rimbaud anziché Tiziano e Raffaello? Perché Renoir anziché Picasso o Dalì? Il punto è che spesso si tratta d’una recita da parte di chi in verità un artista di talento non lo è... ma vuole giocare a “fare l’artista”, imitando nei comportamenti esterni un certo tipo di vita che nella sua testa rappresenta la “vita dell’artista”. » (dalla prefazione di Salvatore Brizzi)

« Raramente pensiamo alle persone creative come a persone ricche e di successo. Facciamo anche battute su quanto sia tempo sprecato prendere una laurea in arte o fare un corso di teatro. Abbiamo sentito che perseguire la creatività non è una mossa furba per la carriera, che si tratti di coltivare un interesse per la letteratura, per la musica o per qualunque altra cosa creativa. Per tutta la mia vita ho udito queste cose da insegnanti, amici e parenti dalle buone intenzioni. Il consiglio era sempre lo stesso: prendi una buona laurea, abbi qualcosa su cui fare affidamento e non lasciare un lavoro sicuro. »

« Oggi, avendo più opportunità che mai di condividere il nostro lavoro col mondo, ci serve un modello diverso di lavoro creativo. Il Mito dell’Artista Squattrinato già da tempo non è più il benvenuto, e ciò che ora ci serve è ritornare a un modello che non richieda ai creativi di soffrire per la propria arte. Ci serve un Nuovo Rinascimento. »

« Devi diventare milionario come Michelangelo? Niente affatto. Questo non è un libro su come diventare ricchi vendendo arte. È il racconto di come molti artisti, creativi e imprenditori professionisti ce l’hanno fatta, e tu puoi essere uno di loro. »

« Se vogliamo diventare artisti, dobbiamo infrangere delle regole. Non possiamo solo fare ciò che ci si aspetta da noi. A un certo punto dobbiamo abbandonare lo status quo e costruirci un nuovo percorso. A conti fatti, è così che funziona la creatività. »

« Il romanziere George Sand una volta scrisse che è dovere di ogni artista “trovare un’espressione adeguata a trasmettere [la sua arte] a quante più anime possibili”. O, per dirla in poche parole: l’arte ha bisogno di un pubblico.
Sento spesso scrittori e creativi lamentarsi di doversi pubblicizzare da soli. Sembra che abbiano paura di apparire squallidi o “autocelebrativi”, il che è comprensibile. Siamo attratti dall’arte perché sembra pura perciò temiamo che, se ci fissiamo troppo sulla fama e sul successo, questa ambizione rovini la purezza della nostra opera. Vogliamo credere che se facciamo bene il nostro lavoro il pubblico ci troverà. Ma non funziona così. »

« Il primo passo nel lasciar andare la mentalità da Artista Squattrinato è abbandonare chi pensiamo di essere o di dover essere, anche se non abbiamo idea di quale nuova identità ci aspetti. Ciò che c’è lì fuori, per quanto possa spaventarci, è certamente meglio che rimanere dove siamo ora. L’arte si trova ai margini, al limite del nostro disagio, dove avviene il vero cambiamento. Non è mai troppo tardi per cominciare a vivere una nuova storia. Devi solo diventare chi sei davvero, facendo un passo alla volta. »

Leggete con attenzione l’indice e decidete se è un libro che fa per voi:

PREFAZIONE DI SALVATORE BRIZZI
INTRODUZIONE: IL MITO DELL’ARTISTA SQUATTRINATO

PARTE 1. L’ATTEGGIAMENTO MENTALE
1   Non sei nato artista
2   Smettila di cercare di essere originale
3   Apprendi da un maestro
4   Controlla la tua testardaggine

PARTE 2. IL MERCATO
5   Coltiva i mecenati
6   Prendi parte a una scena
7   Collabora con gli altri
8   Fai pratica in pubblico

PARTE 3. I SOLDI
9   Non lavorare gratis
10 Sii padrone del tuo lavoro
11 Diversifica il tuo portfolio
12 Fai soldi per fare arte

CONCLUSIONE: PRENDI PARTE AL NUOVO RINASCIMENTO


Acquistalo su MACROLIBRARSI:

Acquistalo su IL GIARDINO DEI LIBRI:

È ordinabile anche in tutte le librerie.

Salvatore Brizzi
[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]





APPUNTAMENTI DA SEGNALARE

19 Maggio – VICENZA
Seminario
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
Come l’ombra agisce sia nella società che dentro di noi
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  geaofficinadellanima@gmail.com

26 Maggio – RIMINI
Seminario
DALL’INTELLETTO ALL’INTUIZIONE
Creare un rapporto magico fra anima e personalità
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  gcgiardinodeilibri@gmail.com   
Tel.:   0541 23774

30 Giugno – MODENA
Seminario
DALL’INTELLETTO ALL’INTUIZIONE
Creare un rapporto magico fra anima e personalità
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  info@centroculturalelalbero.org
oppure 335 6684108

14 Luglio – AOSTA
Seminario
DALL’INTELLETTO ALL’INTUIZIONE
Creare un rapporto magico fra anima e personalità
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  paola_amail@libero.it
oppure 333 5293020






GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
LEADERSHIP SPIRITUALE
di Salvatore Brizzi
a questo link




GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
di Salvatore Brizzi
a questo link




GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
LA VIA DEL DISCEPOLATO
di Salvatore Brizzi
a questo link



GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
LE SETTE INIZIAZIONI
e come prepararle
di Salvatore Brizzi
a questo link









Leggi le frasi che pubblico regolarmente su TWITTER:


Guarda il profilo su LINKEDIN:


Dai uno sguardo alle nostre immagini su PINTEREST:


Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK: