ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SU UNO DEI PDF QUI SOTTO A SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


mercoledì 3 marzo 2010

I buoni e i cattivi (Ahmadinejad l’illuminato), II parte

Ma veniamo al 2009. La conferenza dell'Onu sul Razzismo e la Xenofobia tenutasi a Ginevra in Aprile si è aperta fra polemiche e contestazioni plateali.
Quando sale sul podio, Ahmadinejad critica “l'insediamento di un governo razzista in Medio Oriente dopo il 1945”, alludendo chiaramente a Israele.

Con il pretesto delle sofferenze del popolo ebraico, e utilizzando in modo non appropriato l’olocausto, – ha detto dal palco di Ginevra – essi [gli israeliani] hanno reiterato le loro aggressioni militari contro una nazione intera di palestinesi. Immigrati dall’Europa, dagli USA e da altri paesi del mondo, hanno creato un governo totalmente razzista nella Palestina occupata. Con la scusa della comprensione del razzismo e delle sue conseguenze in Europa, gli israeliani hanno imposto il governo più crudele e razzista ad altre parti del mondo, come la Palestina.
Le radici dell’attacco degli USA all’Iraq e la loro invasione dell’Afghanistan si trovano nell’arroganza della precedente Amministrazione USA e nella pressione esercitata da poteri privi di controllo nell’espansione della loro influenza nell’interesse del complesso industriale e dei fabbricanti di armi.
Crediamo nella necessità di un mondo nuovo, con un cambiamento di politiche e comportamenti. I rappresentanti che pretendono di abbandonare la sala sono una minoranza e raccomandiamo loro di aumentare la propria capacità di tolleranza: tutto deve basarsi sul rispetto reciproco e la giustizia.


Come se Ahmadinejad stesse dicendo delle inaccettabili falsità – stava invece riportando fatti storici – tutti i rappresentanti dei paesi europei abbandonano l’aula mentre il presidente dell’Iran pronuncia queste parole, e già prima dell’inizio della conferenza Israele, Stati Uniti, Italia, Australia, Canada, Polonia, Germania, Olanda e Nuova Zelanda si erano rifiutati di partecipare perché sapevano che Israele avrebbe ricevuto dure critiche.
Questi personaggi hanno mostrato un infantilismo che non ci si aspetta da persone che non dovrebbero trovarsi lì in gita di piacere, bensì a rappresentare intere nazioni! E hanno al contempo mostrato un esplicito servilismo verso Stati Uniti e Israele, comportamento, questo, che invece ci si aspetta tranquillamente!
Cosa hanno trovato di intollerabile nelle parole del presidente iraniano? Se ciò di cui lui ha parlato non è successo realmente – e non sta succedendo – allora qual è la loro versione alternativa della storia? Secondo la loro visione che cosa sta facendo esattamente Israele in Palestina... impartisce lezioni di tolleranza razziale?

Il suo discorso – correttamente tradotto – si trova a questo indirizzo: http://www.azionetradizionale.com/2009/04/22/discorso-di-ahmadinejad-durban-ii/

Ahmadinejad ha ricevuto anche applausi dalla platea: la prima volta quando ha accusato “gli stati occidentali di essere rimasti in silenzio di fronte ai crimini commessi da Israele a Gaza” e la seconda volta quando ha detto che occorre “rivedere le organizzazioni internazionali e il loro modo di lavorare”. Consensi al presidente iraniano sono arrivati anche quando ha parlato della crisi economica mondiale sottolineando che “continua ad aggravarsi e non ci sono speranze che possa essere superata”, e ha accusato gli Usa di averla scatenata.
Tutte parole inaccettabili... vero? Sono proprio i deliri di un pazzo!
Decisamente inascoltabili per i rappresentanti occidentali... che invece sono persone serie e rispettabili, così maturi da alzarsi e andarsene mentre il presidente dell’Iran chiarisce le sue ragioni allo scopo di evitare l’ennesima guerra.

Più tardi, nel corso della conferenza stampa, Ahmadinejad sulla controversa questione dell'armamento nucleare iraniano ha precisato: “Con tutta franchezza dico no all'arma nucleare, sì all'energia nucleare”. Per l'Iran “la questione del nucleare è un dossier chiuso... Noi abbiamo firmato la convenzione dell'Aja e intendiamo ricavarne dei vantaggi.” Per Ahamadinejad la “giustizia deve essere uguale per tutti: se l'energia nucleare è utilizzata bene... che sia a disposizione di tutti, quando è cattiva... che sia proibita a tutti.”

Discorsi intollerabili... davvero... dovrebbero impedire a un pazzo del genere di parlare in pubblico! Non capisco cosa stiamo aspettando ad attaccarlo con tutte le nostre forze di pace congiunte!!!

Ecco alcuni libri da me selezionati che trattano della Teoria della Cospirazione .


Salvatore Brizzi
NON DUCOR DUCO
(non vengo condotto, conduco)