ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SU UNO DEI PDF QUI SOTTO A SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


venerdì 13 luglio 2018

Identità e differenza


Ogni tanto parlo di politica perché... nonostante sia stato sottoposto anch’io per decenni al bombardamento mediatico/culturale che mira a creare servi, burocrati mediocri e nani psicologici... nonostante a scuola, fin da tenere età, sia stato condizionato a obbedire e a non prendere iniziative... nonostante la mia intelligenza sia stata valutata per decenni in base alla mia capacità di ripetere a memoria ciò che i professori della cultura dominante volevano sentirsi dire... il mio spirito non si è ancora sopito e io non sono ancora morto dentro, come è invece accaduto a quasi tutti quelli delle ultime generazioni.

Qualche anno fa, nel mio libro La Rinascita Italica (che prima o poi tornerà in commercio, ve lo prometto) dicevo: «Solo uomini e donne che nel loro Cuore hanno posto il futuro della nazione davanti agli interessi personali, potranno costruire una nazione con un futuro. Chi vuole prendere parte alla riedificazione dello Spirito Italico deve dimostrare di non essere più autocentrico nei propri interessi e di saper mettere le proprie qualità al servizio dell’intera comunità, come un Samurai che non combatte per se stesso ma mette la spada al servizio del suo signore».

Proprio non me la sento di stare in disparte a coltivare il mio giardino, nella speranza che il Sistema non si abbatta mai con il suo pesante martello sulla mia testa. Preferisco muovermi incontro al nemico. Non sono nato per fare la fine dell’agnello a Pasqua. Intorno a me, nell’ambiente della spiritualità, è pieno di persone che si sono ritagliate la loro nicchia e si permettono di dire «a me la politica non interessa... io mi devo occupare di altro...». Si nascondono nelle fogne, sperando non arrivi mai Il Grande Derattizzatore. Credono di poterla esorcizzare ignorandola. Il futuro dimostrerà che si sbagliano.

Fermo restando che ognuno di noi ha comunque una missione diversa su questo pianeta – e non tutti hanno il compito di candidarsi alle elezioni – in ogni caso... meno te ne occupi... più la politica si occupa di te, qualunque mestiere tu svolga. Prima o poi viene a cercarti nel tuo giardino dorato per disturbare il tuo sonno e spezzare il tuo sogno. Ciò che è recentemente accaduto con la questione dell’obbligatorietà dei vaccini dovrebbe servire da monito. Le decisioni non vengono prese dai meditanti dell’ambiente new-age (ve ne siete accorti?), bensì da coloro che stanno al Governo. Come ebbi modo di dire in un discorso tenuto a Roma tanti anni fa: «Se noi non facciamo politica, la politica ce la fanno addosso».

Nel post Cosa vota Salvatore Brizzi ho spiegato qual è il programma politico che nei prossimi anni può provocare un riequilibrio energetico utile alla nostra ripresa come nazione. La ripresa economica e sociale può essere unicamente conseguenza d’un mutamento energetico. Dobbiamo ricostituirci sul piano energetico, riaffermare la nostra identità in Europa e nel mondo, altrimenti stazioneremo ancora a lungo nelle sabbie mobili, come abbiamo fatto finora, grazie ai governi-ombra degli ultimi anni. Siamo come un adolescente che deve dimostrare di essere divenuto adulto. Questo si aspettano da noi i maestri di Shamballa.

Per questo motivo in alcuni punti del programma insisto sul concetto di “mantenimento dell’identità”. Lui stesso non lo sa, ma il lavoro di “riappropriazione dei confini” che sta portando avanti Matteo Salvini rientra nel percorso di riacquisizione dell’identità nazionale che la Fratellanza di Shamballa vorrebbe per l’Italia... e non è un caso che venga ferocemente ostacolato dalla stampa di regime e dalla cultura di regime, i quali puntano a una disgregazione delle nazioni, con il fine di renderle più vulnerabili. L’affermazione della propria identità permette a una nazione di divenire più forte. Chi è forte può aiutare il prossimo e può fare da esempio, ma chi viene indebolito non può aiutare né se stesso né gli altri: è destinato a fare riferimento a un potere più grande e divenirne schiavo.

Scrivevo in La Rinascita Italica: «L’euro è stato un attacco, molto ben riuscito, all’autonomia degli Stati nazionali europei. Ammettere il fallimento dell’euro e fare un passo indietro non significa necessariamente rinunciare a una cooperazione fra gli Stati. Invece d’un’unione monetaria disfunzionale possiamo promuovere un’Europa delle Patrie, formata da Stati amici che collaborano fra di loro, senza per questo rinunciare all’identità nazionale... che è la vera forza dell’Europa. Così come individui risvegliati e indipendenti possono formare una comunità anziché un branco, allo stesso modo un gruppo di nazioni che non ha rinunciato alla sovranità nazionale può dare luogo a una Comunità di Patrie anziché a un branco di popoli dominati dagli interessi delle banche internazionali.

Un’azione violenta e disgregatrice delle identità sia nazionali che personali – che si maschera dietro il termine “globalizzazione” – persegue la cancellazione delle memorie culturali delle singole nazioni. Essere “cittadino del mondo” non significa non avere più Patria e non percepire più la propria cultura d’origine. I differenti popoli e le diverse culture devono collaborare fra di loro, integrarsi, prendere il meglio l’una dall’altra... ma non scomparire. La ricchezza d’una civiltà risiede nella diversità delle culture che la compongono. Ed è proprio questa preziosa diversità che, in nome della globalizzazione, si vuole uccidere oggi. Su questo fraintendimento, inoltre, si gioca nell’additare come “di estrema destra” chiunque s’opponga fieramente alla frantumazione delle sue radici culturali. Che io venga indicato come “razzista” perché non voglio smettere di sentirmi italiano – un individuo unico, il cui attuale modo di pensare è anche frutto d’una storia millenaria fatta di Politica e di Arte – è una violenza nei confronti della mia stessa identità, che in tal modo, in nome dell’uguaglianza, viene ridotta a mero numero, un numero che non possiede più un passato e, di conseguenza, nemmeno un futuro».

Le quattro atlete di colore che hanno vinto l’oro nella 4x400 ai Giochi del Mediterraneo, sono italiane? Io, da ex atleta, vi dico che quattro italiane non avrebbero mai vinto quell’oro. Se quattro atlete di colore nate in Giappone avessero vinto un oro in una staffetta mondiale, potremmo forse affermare che i giapponesi sono i più forti del mondo in quella specialità? Forse dovremmo ridefinire alcuni concetti: è sufficiente essere nato in Giappone per essere giapponese, anche se si possiede una struttura muscolo-scheletrica da africani? Ossia, l’identità genetica conta qualcosa al fine di definire l’appartenenza d’un individuo a una nazione? Io sono aperto a tutto, basta mettersi d’accordo. Per esempio, io gli atleti non li farei più gareggiare per nazione, bensì come singoli. Non potendo più definire in maniera chiara l’appartenenza a una patria, è meglio che ognuno gareggi per sé.

E la successiva domanda è: poiché dico questo... sono uno sporco razzista? Ma di tale argomento ho già ampiamente parlato nel mio post sull’atleta “italiana” Fiona May: Chi è il cittadino?

Nel rispetto d'un insidioso “razzismo al contrario” dovrei vergognarmi di sentirmi italiano, di voler ancora distinguermi, di non voler scomparire nella massa multietnica indifferenziata dove l’essere umano è trattato alla stregua d’un codice a barre: «Non ci interessa quali sono la tua cultura, il tuo colore e le tue radici, ma solo che tu acquisti i prodotti della globalizzazione e paghi le tasse!».

Lo stesso discorso può esser fatto circa l’identità sessuale, anche questa volutamente messa in dubbio e in crisi, soprattutto fra i più giovani. Qui il messaggio culturale oramai da diversi anni è: nell’era del progresso ognuno ha diritto di scegliere se essere uomo o donna, il sesso del tuo corpo non ti deve condizionare!
A Londra è nata la prima clinica per affrontare la cosiddetta “disforia di genere”. Ha avuto in "trattamento" 50 tra bambini e adolescenti cui vengono iniettati ormoni che bloccano lo sviluppo, in attesa che decidano quale sesso "scegliere". Un'aberrazione psicologica e un falso scientifico che si configura come una violenza, al pari di quella sessuale, sul corpo e sulla psiche di innocenti. 

Che i miei gusti e le mie abitudini non siano più distinguibili da quelle d’un francese, un tedesco o un algerino non costituisce evoluzione, bensì involuzione, in quanto anziché avanzare dallo stadio di individuo a quello di comunità – dove ognuno mantiene la propria identità agendo al contempo per il Bene Comune – si retrocede dallo stadio di individuo a quello primitivo di “branco indifferenziato” – dove non c’è più identità e le decisioni vengono prese dal capobranco, ossia, in questo periodo storico, un governo occulto e sovranazionale».

Se voi vi sentite spiritualmente pronti per perdere la vostra identità, ben venga. Secondo me vi state prendendo in giro, ma questo è un altro discorso, che affronteremo un altro giorno. In ogni caso, sappiate che la nazione non è pronta, poiché evolutivamente deve ancora acquisire una vera identità, ed è questo che interessa i maestri. Nella crescita dell’individuo, così come delle società, esistono delle tappe che non possono venire saltate: non puoi costringere un bambino, che deve sviluppare il senso del possesso, a regalare i suoi giocattoli, solo perché tu sei un genitore affetto da newageismo. Se non permetti al bambino di strutturare in maniera sana il suo ego, dandogli una famiglia e un territorio entro il quale sentirsi al sicuro, sarà un adulto pieno di paure e insicurezze. E questo, qualcuno, lo sta facendo in scala globale con le nazioni. Qualcuno, una Gerarchia Oscura, che ben conosce gli stati energetici e i livelli evolutivi delle nazioni e delle folle, e sa come manipolarli per i suoi scopi, sa come renderli deboli.

Gli stessi che sbraitano in favore dell’accoglienza e vedono razzisti, fascisti e xenofobi ovunque, non stanno accogliendo proprio nessuno in casa loro. E questo è giusto, in quanto anche loro, come tutti gli altri, non sono pronti per l’accoglienza, se non a parole. Manifestare contro chi non è accogliente, non significa essere accogliente, se poi, nei fatti, non si ospita qualcuno in casa propria. Queste persone non sono però in grado di riconoscere la contraddizione interiore di cui sono vittime e inconsciamente odiano questa loro incapacità. Vorrebbero essere accoglienti, ma non ci riescono. Questo mancato riconoscimento genera la rabbia con cui si scagliano verso Salvini o chiunque sostenga il suo lavoro. Basterebbe facessero pace con se stessi, allora si unirebbero all’altra metà della nazione e insieme si troverebbero presto delle soluzioni pratiche, in quanto la contrapposizione fra le due fazioni si arresterebbe e la frequenza vibratoria della nazione muterebbe. Ma adesso sto chiedendo troppo; i maestri stessi non pretendono che riusciamo a fare già così tanto. D’altronde loro non hanno fretta.

Salvatore Brizzi
[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]





GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
L’INTUIZIONE
Come incarnare i propri talenti
a questo link





APPUNTAMENTI DA SEGNALARE

22 Luglio – BRESCIA
Seminario
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
Come l’Ombra agisce sia nella società che dentro di noi
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  assoltreilvelo@gmail.com  Tel.:  030 220352

30 Settembre – RIMINI
Seminario
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
Come l’Ombra agisce sia nella società che dentro di noi
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  gcgiardinodeilibri@gmail.com   
Tel.:   0541 23774

07 Ottobre – ROMA
Seminario
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
Come l’Ombra agisce sia nella società che dentro di noi
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  manuelapaloni@gmail.com










Leggi le frasi che pubblico regolarmente su TWITTER:


Guarda il profilo su LINKEDIN:


Dai uno sguardo alle nostre immagini su PINTEREST:


Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK:



giovedì 5 luglio 2018

Schiavi degli invisibili


Schiavi degli invisibili (tit. or. Sinister barrier) è un romanzo di fantascienza di Eric Frank Russell pubblicato nel 1939. Uscito in Italia nel ’53 per la mitica collana Urania, è stato ristampato nel 2010 dai tipi della Coniglio Editore (che però ha chiuso i battenti). Ve ne parlo perché principalmente a questo testo è ispirato il mio seminario Il Lato Oscuro della Forza, tanto che nel corso della giornata ne scorreremo insieme dei brani. Leggerlo costituirebbe quindi un’ottima preparazione (ammesso che ne troviate ancora delle copie).

Oltre la sinistra barriera (=sinister barrier) dei nostri limiti, oltre questo campo visivo meschino e inefficiente, intenti a dominare ogni uomo dalla culla alla tomba, a depredarci spietatamente come parassiti, stanno i nostri padroni maligni e onnipotenti: gli esseri che sono i veri signori della Terra!
Eric Frank Russell

Il romanzo di Russell è ispirato all’opera dello studioso indipendente – e geniale – Charles H. Fort, autore del famoso (negli ambienti alternativi) Il libro dei dannati, un’opera che tratta delle migliaia di fatti inspiegabili (e quindi “dannati” dalla scienza) che accadono nel mondo praticamente tutti i giorni e che solitamente nessuno mette in collegamento fra loro. Charles Fort criticava il classico metodo scientifico che isola i fatti per studiarli. Secondo lui ciò che è isolato è privo di vita, non è reale. Non è mai riuscito a includere tutti i misteri in una visione unica, ma alla fine ha elaborato un’interessante teoria: noi siamo proprietà di qualcuno. «L’umanità intera è proprietà privata di “qualcuno” che ne sta al di fuori e che la sfrutta per i suoi fini. Come un contadino che tiene il suo gregge di pecore all’interno della palizzata che circonda il suo podere e le sfrutta per la lana e per il latte. E ogni tanto se ne mangia una». [dall’introduzione al testo]

L’agente governativo protagonista del libro di Russell comincia a collegare fra loro le morti improvvise di alcuni scienziati in vari posti del mondo, fino a comprendere che: «l’intera umanità è stata, senza rendersene conto e forse da sempre, schiava di entità, i Vitoni (Vitons), “quarto stato della materia”, non si sa se originari della Terra oppure provenienti da un altro pianeta. Esseri che ci hanno usato come oggetti di consumo: mucche, pecore, api. O meglio: hanno considerato oggetti di consumo i nostri sentimenti, le nostre emozioni che più forti sono, più violente sono, meglio è, perché più nutrimento procurano ai Vitoni: il loro è “un banchetto della sofferenza umana”, “un nutrimento emotivo”. Finché qualcuno casualmente non riesce a vederli e allora mal gliene incoglie. E tutta la lotta contro queste entità si compie, in fondo, per essere alla fine sicuri che quanto si prova sia genuino, personale, non artificiosamente indotto da loro per non si sa bene quale motivo (o meglio: si sa: per un motivo “gastronomico”!)». [dall’introduzione al testo]

«Siccome tutti i nostri dati indicano che i Vitoni orientano le opinioni come vogliono, guidando sottilmente i pensieri nel mondo per loro più conveniente, è quasi impossibile stabilire quali giudizi si sono evoluti naturalmente e logicamente e quali sono stati imposti all’umanità».
«Tutti gli indizi che abbiamo potuto raccogliere dimostrano senza il minimo dubbio che i Vitoni sono esseri fatti di energia primaria in forma compatta ed equilibrata. Non sono solidi, né liquidi, né gassosi. Rappresentano un’altra categoria non classificata, [... … ] ma non sono di materia nel senso comunemente accettato». [dal cap. IX del testo]

Queste cose sono state scritte nel 1939, quando le “teorie del complotto” in stile David Icke erano ancora di là da venire. Io ho dedicato all’argomento la quarta sezione del mio LaPorta del Mago, pubblicato nel 2007, e in particolare i capitoli L’origine della trappola e Vendere l’anima al diavolo, che riprenderò nel corso del seminario. Tuttavia non c’è da stupirsi di tanta lungimiranza da parte di Eric Frank Russell, se consideriamo che determinate informazioni sulle interferenze aliene, all’interno delle scuole esoteriche – quelle che “non esistono” e non hanno un sito – vengono tramandate da millenni. Inoltre c’è da considerare che i migliori scrittori di fantascienza sono sempre stati anche i romanzieri più intuitivi e capaci di accedere naturalmente a delle conoscenze che in verità “sono nell’aria”.

Prima della fine del 2018 sono previsti tre appuntamenti per il mio seminario: Brescia, Rimini e Roma. Per maggiori informazioni leggete qui sotto.

Salvatore Brizzi
[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]



 
GUARDA IL PROMO DEL VIDEO-SEMINARIO
L’INTUIZIONE
Come incarnare i propri talenti
a questo link





APPUNTAMENTI DA SEGNALARE

22 Luglio – BRESCIA
Seminario
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
Come l’Ombra agisce sia nella società che dentro di noi
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  assoltreilvelo@gmail.com  Tel.:  030 220352

30 Settembre – RIMINI
Seminario
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
Come l’Ombra agisce sia nella società che dentro di noi
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  gcgiardinodeilibri@gmail.com   
Tel.:   0541 23774

07 Ottobre – ROMA
Seminario
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
Come l’Ombra agisce sia nella società che dentro di noi
condotto da Salvatore Brizzi
Per info:  manuelapaloni@gmail.com







Leggi le frasi che pubblico regolarmente su TWITTER:


Guarda il profilo su LINKEDIN:


Dai uno sguardo alle nostre immagini su PINTEREST:


Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK: