ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SU UNO DEI PDF QUI SOTTO A SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


mercoledì 27 luglio 2011

Omaggio all'anima di un Guerriero


Qualche settimana fa ho acquistato il dvd Living Luminaries, costituito da una serie di interviste a personaggi famosi quali Eckhart Tolle, Don Miguel Ruiz e Michael Bernard Beckwith. Ma uno dei personaggi che mi hanno più colpito è forse quello meno famoso e meno legato all’ambiente della spiritualità: Geronimo JI Jaga.

Al minuto 11 del dvd compare un omone nero, ex carcerato, che pronuncia queste frasi:
In prigione ho trovato la Libertà. A 58 anni, nelle più cupe profondità delle prigioni di San Quintino e Folsom ho iniziato un processo di distacco da tutto. La liberazione dall’ego, capire che sei solo una piccola parte di qualcosa di molto più grande.

I primi otto anni dei ventisette che ho passato in prigione li ho trascorsi in isolamento. A quei tempi l’isolamento era una cella vuota... una tortura disumana. Per i primi due anni temevo le formiche, che uscivano da un buco nel pavimento – che era il mio gabinetto – e venivano a mordermi. Poi ho capito che quello era il loro mondo e io non avevo il diritto di ucciderle, per cui mi sono arreso e ho lasciato che mi mordessero.

Non appena mi sono arreso a quella situazione hanno smesso di mordermi... e hanno cominciato a portarmi piccole briciole per mangiare.
È stato un atto di sottomissione e riduzione del mio ego. Prima hai un atteggiamento da macho, pensi di essere superiore e di poter affrontare tutto. Poi un giorno ti rendi conto che devi sottometterti a queste piccole creature.


Ma chi è Geronimo?
Geronimo Pratt, conosciuto come Geronimo JI Jaga, è stato innanzitutto un Guerriero, quindi un rivoluzionario, un dirigente del Partito delle Pantere Nere (Black Panther Party) e, in quanto tale, un bersaglio che l’FBI doveva “neutralizzare” a ogni costo.

Nel dicembre del 1969 la sede del BPP di Los Angeles viene pesantemente attaccata da un esercito di poliziotti armati fino ai denti. Chiunque sano di mente, circondato dall’FBI, si sarebbe arreso senza condizioni. Ma Geronimo – che era allora il Ministro della Difesa in carica del Partito delle Pantere Nere – barrica l’ufficio e sostiene una dura battaglia a colpi di mitra, che si protrae per oltre dieci ore.

Un manipolo di uomini guidati da Geronimo sostiene dieci ore di guerra metropolitana contro l’FBI. Niente del genere era mai successo prima.

Quando il frastuono dei mitra si placa, tutte le pantere presenti nella sede del partito sono ancora in vita, grazie alla difesa di Geronimo e alle sue non-ordinarie virtù militari.
Anche se in seguito diversi militanti del BPP vengono seviziati dalla polizia, in quell’occasione nessuno resta ferito gravemente, nonostante fossero stati per ore sotto il fuoco incrociato delle forze dell’ordine.

Geronimo, in questa incarnazione, aveva imparato da giovane a combattere nelle risaie del Vietnam, ma in quelle passate – come tradisce il suo stesso nome – era già stato un abile Condottiero in grado gestire uomini e mezzi nei più disparati campi di battaglia: in questa vita è stato nell’"esercito di liberazione nero", in quelle precedenti ha combattuto sia tra gli indiani d’America che nell’esercito di Gengis Khan.
Da quel giorno lo Stato lo inserisce nella lista dei ricercati eccellenti. Per aver difeso con le armi i diritti dei neri Geronimo è stato accusato, condannato ingiustamente e rinchiuso in diverse prigioni di stato per quasi trent’anni.

Per l’esattezza, ventisette anni di prigione, di cui i primi otto in isolamento!
Esce di carcere nel 1997, quando, grazie ad alcune testimonianze, cade l’accusa di omicidio di una donna che gli era stata ingiustamente rivolta e che aveva costituito il pretesto ufficiale per tenerlo in carcere quasi trent’anni.

Negli anni successivi lavora come attivista dei diritti umani e in particolare di uomini e donne che vengono incarcerati ingiustamente. Muore nel 2011 in Tanzania, dove si era trasferito.

Maharaj e Krishnamurti insegnavano a lasciar andare. Non bisogna essere legati a ciò che causa il nostro deterioramento. Una volta raggiunto questo stato è come essere uno spirito che vive in sé e vive solo di se stesso.
Geronimo JI Jaga
(13 Settembre 1947 – 02 Giugno 2011)

Salvatore Brizzi
NON DUCOR DUCO
(non vengo condotto, conduco)


Clicca sull’immagine per vedere il video
La Via del Monaco-Guerriero:

Salvatore Brizzi La Via del monaco-guerriero



Per i possessori di smartPhone adesso siamo anche su TWITTER


Abbiamo anche creato un canale su YouTube DracoDaatson



NUOVI APPUNTAMENTI


Sab/Dom 06/07 Agosto a CISSONE (CN) – Oltre i confini

Mar/Mer 09/10 Agosto a CISSONE (CN) – Oltre i confini


Per ulteriori info su questi seminari: www.primoraggio.it



A questo link un elenco di libri consigliati da me personalmente:
www.primoraggio.it



Alchimia Contemporanea di Salvatore Brizzi (questo è il libro nel quale ho parlato per la prima volta di Draco Daatson e Victoria Ignis)

Porta del Mago di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare La Porta del Mago con il 15% di sconto: 12,75 euro anziché 15)

Risveglio di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare Risveglio con il 15% di sconto: 12,75 euro anziché 15)

La Sconfitta di Cronos di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare La sconfitta di Cronos con il 15% di sconto: 12,75 euro anziché 15)