ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SU UNO DEI PDF QUI SOTTO A SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


mercoledì 4 dicembre 2013

Il bambino e il Mago


Inizio questo articolo riportando le ultime frasi di un post che ho scritto in un’altra sede:
Non insegnate ai vostri figli che siamo tutti uguali. Piuttosto insegnate loro in cosa consistono le autentiche differenze, insegnate loro a distinguersi davvero; fate capire loro che distinguersi non significa avere una borsetta, un cellulare o una macchina diversi dai propri coetanei, ma viaggiare in metrò da svegli mentre tutti intorno a loro dormono!
Insegnate questo. Grazie.

Come dice sempre anche l’ottimo Sibaldi, siamo in un periodo storico dove l’individuo deve emergere dalla massa (l’io come alternativa al noi) ed è chiamato a crearsi un destino proprio, che non sia più il destino della folla che lo circonda. Se c’è la crisi per la folla, non è detto che ci sia anche per lui, ossia per l’Uomo Nuovo, l’Uomo Verticale.

L’insegnamento più spirituale che possiamo dare a un bambino consiste proprio nel dirgli che può manifestare il coraggio di emergere, di tirare fuori la testa dalle sabbie mobili e distinguersi (distinguersi per non estinguersi), e non seguire la corrente che, come tutte le correnti in natura, non può che rivelarsi inconsapevole, in quanto la goccia del fiume non si chiede mai dove sta andando la corrente nella quale si trova immersa. Il concetto secondo il quale “siamo tutti uguali” e abbiamo tutti le stesse possibilità, perché “siamo tutti Uno” – tipico anche di una certa filosofia new age – non aiuta l’evoluzione del bambino ma, al contrario, la rallenta.

Io posso tornare a essere Uno solo dopo che sono nato come autentico individuo consapevole di sé e del suo potenziale, altrimenti sto solo scimmiottando quella condizione, ma non la sto davvero realizzando. Mi mancherà sempre un pezzo. Secondo gli insegnamenti dei Sufi, dell’Alchimia e della Magia l’uomo deve prima risvegliarsi, poi morire e quindi rinascere. Ma solo un uomo risvegliato ha il diritto di morire a se stesso. Se un uomo muore quando è ancora nel sonno non rinasce come Dio, ma semplicemente muore come individuo, si fonde nell’Uno e di lui non resta più nulla (la goccia si fonde nell’oceano anziché diventare l’oceano): niente più anima individuale e niente più reincarnazione. È vero che esci dalla ruota delle reincarnazioni (il che ha i suoi indubbi vantaggi), ma è anche vero che non esisti più. È una questione di scelte. Anche questo risultato in alcune tradizioni viene chiamato illuminazione, ma non è il genere di illuminazione che interessa noi in occidente, a noi interessa l’Uomo/Dio, l’Individuo Assoluto, il Mago – o la Maga – ossia colui – o colei – che è tornato al Padre... ma lo ha fatto consapevolmente. Abbiamo lavorato millenni per questo risultato e non vogliamo buttare via tutto a causa di questa nuova moda secondo la quale “tutte le Vie riconducono alla stessa Fonte”.

No. Proprio per niente. Lo stato del Nirvana non è lo stesso stato a cui aspira l’Alchimista, il Mago, il Sufi, l’Uomo Verticale. L’Advaita Vedanta non fa di me un Uomo/Dio o Donna/Dea con tutti i poteri creativi che mi competono e che sono mio ancestrale diritto.
Il Faraone o la Regina che governavano come divinità sulle sponde del Nilo erano in uno stato di coscienza molto ma molto differente rispetto a un sadhu indù che è entrato nel Nirvana e ha ottenuto la moksha, la liberazione o dissoluzione nel divino, la fusione con la coscienza cosmica. Anche per quanto concerne l’abbigliamento... preferisco di gran lunga i primi.
[questo argomento è di tale e vi-tale importanza da doverci dedicare, non un intero post, ma addirittura un libro; vedrò cosa potrò fare in futuro...]

Riassumendo:
SONNO ―› RISVEGLIO ―› MORTE ―› RINASCITA


Il bambino e il Mago è un libro nato per gioco, che invece è diventato serio.
Qualche mese fa il mio amico giornalista Riccardo Geminiani inizia a inviarmi delle mail dove finge di essere un bambino sui 10 anni che pone domande sulla Magia. In realtà le domande gli vengono ispirate da suo figlio, Fedor, un bambino davvero speciale (che tra l’altro è il protagonista del precedente libro di Geminiani Angeli, zanzare e castelli). Dopo qualche scambio Riccardo si accorge che da questa corrispondenza emerge un lato diverso di me, grazie al quale spiego le cose in maniera più compassionevole, meno severa rispetto al mio stile consueto, dove di norma cerco di scrollare le persone per smuoverle dal loro sonno a calci nel sedere. Insomma, si rende conto che scrivo con un’energia differente rispetto al solito e quindi mi propone di proseguire con questo gioco di domande e risposte, per ricavarne poi un libro.

Come tutte le cose nate per gioco... è venuto particolarmente bene!
È emerso un piccolo libro adatto ai bambini (però direi non prima degli otto anni, a meno che i genitori non siano disposti ad affiancarli per fornire le dovute integrazioni), ma soprattutto – e per fortuna – adatto anche agli adulti che si approcciano per la prima volta al mondo della spiritualità, intendo la spritualità pratica, quotidiana, non certo quella dotta, fatta di classici o di testi sacri, per la quale dovete rivolgervi ad altri autori, quegli eruditi, per l’appunto, che poi non sanno distinguere tra lo stato del Nirvana e il risveglio tipico del Mago e credono che tutte le Vie portino allo stesso conseguimento.

Per finire con un po’ di sano marketing, mi permetto di consigliarvelo come regalo di Natale da fare anche a chi non ha mai letto altri libri sull’argomento, proprio perché, dovendosi rivolgere a un bambino, spiega i vari temi in maniera semplificata e progressiva. Per chi invece appartiene già alla categoria degli “esperti” questo è un libro da portarsi sempre dietro come pro-memoria, perché contiene un riassunto dei vari temi inerenti il risveglio. Inoltre termina con una sorpresa che riguarda la figura del conte Cagliostro e le frasi prese dal suo insegnamento... che non è da sottovalutare.
Buona lettura a tutti. Possa ciò che leggete scendere come una cascata d’oro dalla vostra testa al vostro Cuore.

Salvatore Brizzi
NON DUCOR DUCO
(non vengo condotto, conduco)


APPUNTAMENTI DA SEGNALARE

15 Dicembre - VERONA
Seminario di NUMEROSOPHIA   tenuto da Jlenia Cericola.


Per maggiori info su corsi e seminari: www.primoraggio.it




Puoi già acquistare con lo sconto il mio ultimo libro
IL BAMBINO E IL MAGO:

 Il bambino e il mago di Salvatore Brizzi



Video promo: Il Magnetismo del Mago

 Il magnetismo del mago Salvatore Brizzi

Per leggere la recensione del video clicca qui



Puoi già acquistare con lo sconto il mio ultimo libro sulla Sessualità:

 La sacra sessualità di Salvatore Brizzi





Guarda il video promo del seminario su Draco Daatson:

 Salvatore Brizzi seminario Draco Daatson>

Per leggere la recensione del video clicca qui









Cercaci anche su TWITTER su YouTube e adesso su Pinterest
Salvatore BRIZZI NON HA ALCUN PROFILO SU FaceBook



La rinascita italica di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare La rinascita italica con il 15% di sconto: 12,75 euro anziché 15)

Risvegliare la macchina biologica di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare Risvegliare la macchina biologica con il 15% di sconto: 5,95 euro anziché 7,00)

Alchimia Contemporanea di Salvatore Brizzi (nel libretto allegato a questo dvd ho parlato per la prima volta di Draco Daatson e Victoria Ignis)

Porta del Mago di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare La Porta del Mago con il 15% di sconto: 12,75 euro anziché 15)