ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SU UNO DEI PDF QUI SOTTO A SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


domenica 10 gennaio 2016

Pensiero positivo... e altre minchiate


Sostiene Draco Daatson che non è importante il significato del trauma né la sua antica causa, bensì solo il fatto che nel presente (che è tutto ciò che esiste) dobbiamo fare i conti con un’interferenza, un blocco, un disturbo, una dissonanza... che vogliamo risolvere. Ma se smettiamo di fare riferimento al passato e al futuro, in quanto inesistenti, allora l’unico momento utile alla guarigione resta il presente.



Nella sua teoria dell’Individuo Assoluto Julius Evola prefigura l’avvento d’un individuo ultra-umano, inteso secondo la traduzione esatta del termine utilizzato da Nietzsche nella sua opera Così parlò Zarathustra, übermensch(oltreuomo, appunto, o “al di sopra dell’uomo” e non superuomo, come invece ti spiega il professore di filosofia al liceo; infatti la nota espressione Deutschland Über Alles viene tradotta: “la Germania al di sopra di tutto” e non “la superGermania”). Tale genere di individuo si colloca al di là delle opposizioni, opera in-mediatamente (=senza la mediazione della mente), ossia fuori dal ragionamento causale; è onnicomprensivo poiché ha ri-assunto in sé tutta la realtà. Egli ha ottenuto la buddhità, è un risvegliato, un “liberato in vita”, un immortale; è “uno con il Padre”, un “resuscitato”. Niente prima di sé, niente dopo di sé, niente fuori di sé.

Il punto è che una tale filosofia, per quanto esatta e coraggiosa, espone il fianco a un grande fraintendimento: io, pur restando una personalità identificata con la mente, posso diventare un superuomo, dotato di poteri sovrannaturali e capace di dominare/domare il mondo intorno a me. Non può essere attribuito al caso il fatto che già la traduzione del termine dal tedesco (superuomo anziché oltreuomo) risulti “sporcata” da questo fraintendimento, che invece di vedere un santo/guerriero illuminato, vede un uomo dal livello di coscienza comune, ma dotato di grande volontà, che cerca di farsi strada sgomitando in un mondo di suoi pari. 

Anche se la questione fosse rivolta unicamente alle ristrette cerchie della filosofia e dell’esoterismo il danno sarebbe comunque grave. Le speranze, gli atteggiamenti verso la vita, le religioni, le scienze, le abitudini e le morali del genere umano vengono tutti influenzati dalle filosofie che caratterizzano una determinata epoca. Non è infatti necessario che il popolo legga materialmente i libri di filosofia, perché le idee filosofiche usano le penne dei pensatori per diffondersi dentro le civiltà nell’aria, come virus. La filosofia del superuomo (che già di per sé è un fraintendimento) ha defecato, passando per via traverse, la filosofia del “pensiero positivo”, che è uscita dagli ambienti intellettuali per finire nelle teste – accoglienti in quanto totalmente vuote – delle masse newageiste moderne.


“Noi siamo coscienza divina.”
“Noi creiamo la nostra realtà.”
“Noi trasformiamo la nostra vita cambiando modo di pensare.”
Il risultato sono milioni di persone che credono di poter ottenere un lavoro migliore o un partner che le ama se solo lo pensano intensamente e per un periodo sufficientemente lungo.

La prima minchiata è questa: è vero che noi siamo coscienza divina, ma questo può affermarlo chi ha realizzato quello stato di coscienza con tutti gli attributi che tale stato comporta. Insomma… è diverso pensare di essere Dio ed essere Dio. Però l’ambiente new age è stracolmo di persone che quando ti vedono un po’ depresso ti si avvicinano di soppiatto sussurrandoti in un orecchio: “Tu puoi tutto. Tu sei coscienza divina!”
Ma se io fossi coscienza divina non sarei depresso, e il fatto che me lo faccia notare tu non equivale a un biglietto omaggio per l’ingresso nella coscienza divina.

Passiamo alla seconda minchiata: il fatto che siamo noi a creare la nostra realtà è anch’essa una profonda verità, ma non tiene conto di un aspetto fondamentale, che viene quasi sistematicamente ignorato negli ambienti del Lavoro su di sé: l’inconscio. È il nostro inconscio a creare la realtà che ci circonda e non certo il nostro pensiero cosciente. Me ne vado in giro a gridare ai quattro venti che noi creiamo la nostra realtà ma poi sorrido meccanicamente come una demente al primo uomo che mi fa un complimento perché mio padre non me li faceva mai. Oppure affermo e difendo il mio essere omosessuale chiamando in causa “la libertà sessuale” quando sarebbe bastata qualche carezza in più da parte di mio padre per farmi diventare una persona differente “amante du pilu” come diceva mio nonno siciliano (pussy addicted, come si direbbe oggi).

Tutti vogliono diventare illuminati, ma in fondo tutti vogliono rimanere ciò che sono, e che è frutto del materiale accumulato nel loro inconscio, un abisso dove nessuno vuole guardare proprio per paura di cambiare troppo e non riconoscersi più.
 
La terza minchiata le riassume tutte: il mio modo di pensare e quindi la mia realtà sono frutto della mia storia sia in quanto anima che in quanto personalità. In entrambi i casi stiamo parlando di elementi inconsci: io non so perché sono fatto così, oppure ne ho solo una vaga idea. Come posso allora modificare la mia realtà, che è frutto del mio inconscio, modificando il mio pensiero, che è effetto e non causa della mia attuale situazione sia interna che esterna? Il pensiero muta come conseguenza di una trasformazione interiore (blocchi inconsci risolti oppure identificazione diretta con l’anima) e non è causa di quella trasformazione.


È chiaro che dovrò agire andando a guarire le mie ferite emozionali inconsce oppure identificarmi con la mia anima o con la mia coscienza divina. Alkimia Inferior o Alkimia Superior. Dovrò cioè indagare e trasformare (personalità inconscia) o realizzare (anima, coscienza divina) ciò che di me ancora non conosco e che tuttavia è causa del mio modo di pensare la vita, quello che ho adesso e quello che avrò in futuro.

Allora non si diviene un superuomo pensando “positivamente” di essere un superuomo e di poter dominare la realtà, ma trasformandosi in qualcosa di realmente superiore, al di sopra di tutto, un übermensch. Scopriremo allora che per divenire padroni della propria vita non occorre una maggiore quantità di volontà, ma l’assenza totale di volontà e un affidarsi totale alla Volontà Divina.



Salvatore Brizzi

(occupazione: domatore di fiumi)



A questo link è scaricabile GRATUITAMENTE
un e-book molto interessante scritto da me e altri autori
ANIMA o SOLDI?
che anticipa un convegno/vacanza
che si terrà a Fuerteventura (Canarie) in Aprile
sul tema Ricchezza e Spiritualità




Leggi la recensione del libro
TANTRIC SEX
Istruzioni per una pratica del Tantra sessuale
basata sulle antiche scuole esoteriche
Con una lunga prefazione di Salvatore Brizzi.
A questo link:



Leggi la recensione del libro
GUERRIERI METROPOLITANI
a questo link




Guarda il video
L’ALCHIMIA INCONTRA LE NEUROSCIENZE
a questo link



Guarda il video
GUERRIERI METROPOLITANI
a questo link



Guarda il video di 50 minuti
COME SMETTERE DI INCARNARSI
SULLA TERRA IN 3 MOSSE
a questo link





APPUNTAMENTI DA SEGNALARE

16 Gennaio – LUGO (Ravenna)
Convegno
LA SALUTE ALCHEMICA
Interviene Salvatore Brizzi alle 16:15

14 Febbraio – MILANO
Seminario
IL VERO SIGNIFICATO DELLA MAGIA
di Salvatore Brizzi

06 Marzo – TORINO
Seminario
L’ALCHIMIA DELLA COPPIA
di Erica Poli e Salvatore Brizzi







14 Febbraio
Milano
IL VERO SIGNIFICATO DELLA MAGIA
di Salvatore Brizzi



06 Marzo
Torino
L’ALCHIMIA DELLA COPPIA
seminario condotto da
Erica Poli e Salvatore Brizzi






La mia pagina Facebook:

Il mio profilo su Pinterest: