ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SU UNO DEI PDF QUI SOTTO A SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


mercoledì 5 maggio 2010

Due regali: una conferenza e un e-book

Vi propongo la sintesi della mia conferenza sulla Fede tenuta in marzo alla libreria Esoterica di Milano. In questo caso il regalo ve lo fa il portale http://www.nonsoloanima.tv/ distribuendo gratuitamente centinaia di interviste.

Perché hai dubitato?
Le differenze tra Fede, Credenza e Fanatismo

La società in cui viviamo ci ha infettato fin da tenera età con il morbo della paura. Abbiamo paura di ammalarci quindi permettiamo a qualcuno di iniettarci un vaccino. Abbiamo paura di venire aggrediti quindi permettiamo ai governi di mettere sempre più telecamere nelle nostre città. Abbiamo paura di essere abbandonati dal partner, quindi diveniamo possessivi e gelosi. L’alternativa alla paura è la Fede. Vivere nella Fede non ha nulla a che vedere con le credenze religiose, è piuttosto un lasciarsi andare alla perfezione di ciò che accade.

Clicca qui per vedere la conferenza


Da questo link invece potete scaricare l’e-book Il monaco-guerriero. Sono tre miei vecchi articoli riuniti in unico file con l’aggiunta di qualche immagine.
Essi sanno bene che alimentando fra la popolazione la stupida superstizione che esista un mondo esterno alla coscienza capace di influenzare l’essere umano, quest’ultimo rimarrà per sempre uno schiavo pieno di paura. Infatti non è un caso che la scienza, l’educazione, la politica, l’economia... siano tutte basate su questo paradigma conoscitivo: io e il mondo siamo due cose separate. Così il Mondo diventa un idolo da adorare e temere. Questo è il paradigma della paura, della povertà, dell’insicurezza. Questo è il peccato dei peccati che ha costretto l’uomo ad abbandonare il Paradiso Terrestre. Crediamo che nel mondo possano nascondersi sorprese e pericoli inaspettati, quando invece nel mondo incontriamo sempre e solo noi stessi. Tutto appare inaspettato agli occhi di chi non si conosce.
Clicca qui per scaricare l’e-book


Salvatore Brizzi
NON DUCOR DUCO
(non vengo condotto, conduco)