ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SU UNO DEI PDF QUI SOTTO A SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


venerdì 17 agosto 2012

Il mondo dello spirito


Nel corso della storia dell’evoluzione umana si verificano ciclicamente periodi in cui gli esseri umani si ritrovano più vicini al cosiddetto “mondo dello spirito”. Un po’ come accade a un pianeta che gira intorno a una stella secondo un’orbita ellittica: a volte è più vicino e a volte è più distante dal suo Sole. Sembra che in prossimità di ogni cambio di Era il mondo fisico e il mondo dello spirito si trovino particolarmente a contatto.
Ma che cos’è il mondo dello spirito?

Quando noi lasciamo il nostro corpo per il fenomeno chiamato morte, restiamo qui, ma ci spostiamo su un altro piano. Dal punto di vista dei sensi ordinari, questi due mondi non sono in contatto tra loro, per cui, quando una persona lascia il suo corpo non la vediamo più... a meno che non possediamo una vista particolare.

Adesso ci troviamo in uno di quei momenti storici in cui è più facile sia vedere sia percepire comunicazioni dal mondo dello spirito, semplicemente perché in questi anni stiamo passando dall’Era dei Pesci a quella dell’Acquario. All’epoca di Gesù eravamo all’inizio dell’Età dei Pesci. Infatti egli si trovava continuamente a dover liberare delle persone da entità diaboliche appartenenti ad altri piani. Adesso capiremo perché. E capiremo anche perché oggi come non mai ci sarebbe bisogno di un maggior numero di esorcisti.

Quando il mondo fisico e quello dello spirito vengono in qualche modo a contatto, ciò comporta alcuni aspetti positivi e altri negativi, come tutte le cose di questo mondo.
L’aspetto positivo è anche quello più evidente: viene data agli esseri umani la possibilità di percepire realtà che altrimenti non potrebbero percepire. Quindi un gran numero di persone può avvicinarsi al mondo dello spirito con risultati clamorosi. Pensate per esempio al successo delle sedute spiritiche: questi contatti possiedono talune controindicazioni, ma coloro che hanno dato l’avvio a questo modo di comunicare con l’aldilà erano in buona fede e lo hanno fatto col preciso intento di far conoscere a un gran numero di persone l’esistenza di un piano di vita differente.

Questo, a ben guardare, è risultato un progetto molto interessante, perché milioni di persone sul pianeta hanno cominciato a sentirsi rincuorate dopo aver subito una perdita. Teniamo conto che tante persone si ammalano e vanno in depressione perché hanno perso qualcuno di caro. Se ogni tanto poteste guardare il pianeta dall’alto, vedreste l’enorme quantità di disperazione degli esseri umani, e vedreste anche che lo spiritismo ha  alleggerito questa disperazione. Il solo fatto che qualcuno ti dica che tuo figlio o tua moglie sono ancora vicino a te e ti stanno comunicando un messaggio, allevia il tuo dolore. Moltiplicate questa sensazione di alleggerimento per milioni di individui e avrete la percezione di quanto sia stato positivo, almeno all’inizio, il movimento dello spiritismo.

L’aspetto negativo consiste nel fatto che le persone non riescono a distinguere i vari livelli presenti nel mondo dello spirito. Quello più vicino a noi si chiama “mondo astrale” ed è diviso in sette livelli o piani, che hanno in sé delle caratteristiche molto diverse tra loro. Analizziamo bene la questione. Se ci pensate anche il mondo fisico è fatto di strati, di cui tre sono quelli conosciuti: solido, liquido e gassoso; poi ci sono altri quattro strati eterici, che avvolgono il corpo fisico e fanno da conduttori del prana.

Le persone di norma conoscono bene solo i primi tre, ma già la differenza fra questi tre è enorme. Per esempio, le leggi fisiche che governano questi tre mondi non sono le stesse. Capite bene che la diversità fra il comportamento di un oggetto solido e una materia liquida è enorme, e lo stesso vale per la differenza tra lo stato liquido e quello gassoso, il quale è addirittura invisibile. Stesso discorso può essere fatto per lo stato gassoso rispetto ai livelli eterici. Ebbene gli stessi gradi di diversità esistono anche nel mondo astrale. Il livello astrale più basso è paragonabile al solido, poi ce n’è uno paragonabile a quello liquido e via di seguito.

Per cui, ciò che voglio farvi capire è che quando la membrana che divide i due mondi si assottiglia, noi entriamo in contatto con il mondo astrale, ma prima di tutto con gli strati più pesanti di questo mondo, ossia con quei livelli che corrispondo al solido, al liquido e al gassoso, che sono quelli più vicini a noi. È vero che c’è la possibilità di contattare anche gli strati elevati, ma è anche vero che la maggior parte delle persone approda unicamente agli strati più bassi.

Gli strati più bassi sono quelli delle anime in pena, ossia quelle anime che a livello qualitativo sono più “pesanti”. Ogni strato del mondo astrale corrisponde a uno stato della nostra materia fisica, ma mentre i sette strati del nostro mondo corrispondono allo stato solido, i sette strati del mondo astrale corrispondono analogicamente allo stato liquido, che è il mondo delle emozioni. Sette strati emotivi differenti.

Nel mondo astrale la differenza tra il piano solido e quello liquido – cioè tra il primo e il secondo strato – è piuttosto consistente, per cui chi entra in contatto con quel mondo solitamente staziona nel primo strato, quello maggiormente abbordabile, dove si trovano però le emozioni “solide”, cioè quelle più pesanti. Provate a compiere un’analogia fra la solidità fisica e la solidità emotiva: per esempio, ci sono emozioni solide, pesanti (l’ira, l’odio) ed emozioni liquide (indifferenza, attaccamento, invida) che sono ancora emozioni “negative” ma non così pesanti come le prime.

Emozione gassose potrebbero essere la volubilità, l’incostanza, il sentirsi spazientiti. Poi cominciano le emozioni positive come l’altruismo, la commozione, la tenerezza... che appartengono agli strati più alti del mondo astrale. Ma non stiamo ancora parlando di Emozioni Superiori, cioè emozioni del Cuore. Sopra il mondo astrale risiede il mondo mentale, che analogicamente corrisponde allo stato gassoso del nostro mondo fisico. E qui si trovano sette diverse categorie di pensieri. Sopra il mondo mentale è situato il piano buddhico (che corrisponde al primo strato eterico del nostro mondo fisico), dove finalmente incontriamo le emozioni del Cuore, le quali hanno caratteristiche diverse rispetto alle emozioni positive che possiamo incontrare negli strati più elevati del mondo astrale. Sono differenti le emozioni e quindi sono differenti anche gli esseri che si possono contattare su questo piano elevato.

Detto per inciso, i contatti con guide spirituali, alieni salvifici, i cosiddetti angeli... e via dicendo, provengono tutti – tranne rare eccezioni – dagli strati più elevati del mondo astrale. Per tale motivo sono tutti intrisi di buone intenzioni, pace, amore e fantasia, ma non possiedono mai nulla di realmente intuitivo. I contatti davvero spirituali e i veri angeli risiedono invece nel piano buddhico, difficilmente contattabile dai più.

I sette piani principali nel loro complesso (fisico, astrale, mentale, buddhico, atmico, monadico, divino) costituiscono il piano Fisico Cosmico, in una scala più elevata. Per cui al nostro piano fisico corrisponde lo strato solido cosmico, al nostro astrale corrisponde il liquido cosmico, al nostro mentale il gassoso cosmico, al nostro buddhico il primo eterico cosmico, al nostro atmico il secondo eterico cosmico, al monadico il terzo eterico cosmico e al divino il quarto eterico cosmico.

Ecco allora una chiave importante: grazie alla legge di analogia, se noi siamo in grado di studiare e operare alchemicamente sulle sostanze del nostro corpo eterico e i quattro strati di cui è composto, abbiamo rapidamente accesso e sviluppiamo in noi le caratteristiche superiori dei piani eterici cosmici, ossia il buddhico, l’atmico, il monadico e il divino. Stiamo parlando dell’equivalente di utilizzare una scorciatoia per giungere sulla vetta.


Clicca sull’immagine per vedere la conferenza di Brizzi
La via dell’Adesso:
La via dell’Adesso Salvatore Brizzi

Salvatore Brizzi
NON DUCOR DUCO
(non vengo condotto, conduco)


Il libro di Draco Daatson di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare Il libro di Draco Daatson).



Cercaci anche su TWITTER su YouTube e adesso su Pinterest
Salvatore BRIZZI NON HA ALCUN PROFILO SU FaceBook


La rinascita italica di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare La rinascita italica con il 15% di sconto: 12,75 euro anziché 15)

Risvegliare la macchina biologica di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare Risvegliare la macchina biologica con il 15% di sconto: 5,95 euro anziché 7,00)

Alchimia Contemporanea di Salvatore Brizzi (questo è il libro nel quale ho parlato per la prima volta di Draco Daatson e Victoria Ignis)

Porta del Mago di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare La Porta del Mago con il 15% di sconto: 12,75 euro anziché 15)

La Sconfitta di Cronos di Salvatore Brizzi (da qui è possibile acquistare La sconfitta di Cronos con il 15% di sconto: 12,75 euro anziché 15)