ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SUL PDF SCARICABILE GRATUITAMENTE NELLA COLONNA DI SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


mercoledì 1 aprile 2020

Ripartiamo!


La settimana scorsa, in un’intervista sull’Avvenire Renzi ha detto una cosa coraggiosa, in controtendenza e intelligente (per una volta che accade, si deve rendergliene merito):
«Bisogna consentire che la vita riprenda. E bisogna consentirlo ora. Sono tre settimane che l'Italia è chiusa e c'è gente che non ce la fa più. Non ha più soldi, non ha più da mangiare. I tentacoli dell'usura si stanno allungando minacciosi, specialmente al Sud. Serve gradualità, serve il rispetto della distanza - incalza Renzi - ma bisogna riaprire. È un quadro terribile. È un quadro vero. E allora insisto: l'Italia non può stare ibernata per un altro mese perché così si accende la rivolta sociale.»

È quello che ho sempre pensato io.
A mio parere, le misure messe in atto non provengono dal piano razionale, bensì da quello emotivo, per cui non sono proporzionate alla reale entità dei fatti. Tutti prendono decisioni mossi dalla paura e dalla fretta, influenzati dal bombardamento mediatico, il quale ha una sola parola d'ordine: terrorizzare. Renzi fa anche notare – e mi trova d’accordo – che con questo virus dovremo convivere per almeno un anno. Ci saranno sicuramente altri morti, ma questo non può condizionare le scelte d’una nazione, la quale sta per essere messa letteralmente in ginocchio.

Continua Renzi: «Per un anno non ci daremo più la mano. Non staremo più attaccati nelle tavolate in pizzeria, si andrà al cinema e al teatro mantenendo la distanza di sicurezza. Si eviteranno i posti affollati e si lavorerà di più da casa. Si vivrà diversamente, ma si vivrà. Bisogna ripartire, però.»

Probabilmente lui tiene conto di alcune notizie su cui i media tendono a glissare: in Italia – e in particolare al Sud – ci sono centinaia di migliaia di persone che vivono di espedienti, che danno da mangiare alle loro famiglie grazie a lavoretti occasionali; questo significa che in questo momento ci sono centinaia di migliaia di persone che hanno già il problema del cibo. Lo so... questo magari non interessa la maggior parte delle persone che legge questo articolo. Magari voi potete resistere per qualche mese, quindi gridate alla gente di restare a casa. Ma non tutti possono continuare a lavorare da casa (anzi... molto pochi) e non tutti quelli che hanno chiuso il loro negozio possono permettersi di vivere di rendita per qualche mese (anzi... molto pochi). E soprattutto... chi viveva di lavoretti, non ha più da mangiare.

Le scelte devono sempre essere di ordine POLITICO, non di ordine SANITARIO. Il comitato tecnico sanitario deve fornire dei dati, ma mai, in nessun caso, può decidere come deve reagire una nazione a un’emergenza. Questo è un compito che spetta al leader. Ma quando il capo d’una nazione non è anche un leader, allora si affida ai comitati per fare le sue scelte, per cui, anche se sulla carta la decisione ultima è la sua, le pressioni dei sanitari e dei media sono così forti che solo un uomo dotato d’uno straordinario Fuoco interiore può decidere di ignorarle.

Un vero leader invece farebbe scelte politiche, in quanto deve avere sempre ben chiara in mente una VISIONE per la sua nazione, un FUTURO per il suo popolo. Conte invece ripete come un mantra «La nostra priorità è sempre la salute dei cittadini». Mette cioè sullo stesso piano il futuro d’un’intera nazione con i morti per l’influenza covid-19. Si focalizza su ciò che ha sotto il naso in questo momento e non guarda (o pensa che siano oramai inevitabili) le conseguenze future. E non lo sto criticando per partito preso, probabilmente un altro al suo posto avrebbe fatto lo stesso, in quanto da tempo non abbiamo più veri leader politici su nessun fronte.

Quando un leader decide di entrare in guerra, non lo fa certo per salvaguardare la salute dei suoi cittadini. Ritiene che centinaia di migliaia di vite siano sacrificabili, pur di difendere la libertà e il futuro della sua nazione. E i cittadini accettano: “molti di noi moriranno, ma alla fine ci saremo difesi dall’invasore e avremo ancora un futuro per i nostri figli”. E stiamo parlando del sacrificio di 20enni in piena salute, non di 70enni. Se l’Italia esiste è perché qualcuno prima di noi la pensava in questo modo. Qualcuno prima di noi metteva la libertà prima della sua stessa vita. Ma noi non siamo degni di questa eredità spirituale.

Questo discorso vi appare cinico? Forse lo è. Ma sapete... io sono uno all’antica, come maestra ho avuto Victoria Ignis, non un virologo. Ma il mio cinismo è direttamente proporzionale alla vostra ipocrisia. Più di 400mila persone muoiono di malaria OGNI ANNO. A volte qualche decina di migliaia in più, a volte qualche decina di migliaia in meno. Solo nel 2018 sono morte 770mila persone di Aids. Ma parliamoci chiaro... non ve ne frega un emerito cazzo.

Questo mio appello alla ripresa, seppur graduale, delle attività rimarrà inascoltato, così come quello di Renzi, che sul piano mediatico ha un’influenza ben maggiore della mia. Ma io ho voluto dirvelo, in quanto ci tengo che sappiate come la penso, poiché magari molti di voi la pensano nello stesso modo... ma credono di essere stupidi o senza Cuore e si vergognano di manifestare le loro idee a causa del “senso di colpa mediatico” cui siamo un po’ tutti soggetti. Beh... sappiate che è proprio il vostro Cuore che vi fa dire: “meglio morire ma continuare ad avere un futuro”, che può sembrare un paradosso, ma non lo è, fidatevi.

«E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire e l'anima e il corpo nella Geenna.» Mt 10,28






Tenetevi aggiornati sui siti che non sono allineati con l’informazione ufficiale:


Salvatore Brizzi
[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]








È FINALMENTE USCITO
LE SETTE INIZIAZIONI E COME PREPARARLE
di Salvatore Brizzi

Su MACROLIBRARSI:

Su IL GIARDINO DEI LIBRI:

È ordinabile anche in tutte le librerie.

















Leggi le frasi che pubblico ogni mattina su TWITTER:


Guarda il profilo su LINKEDIN:


Dai uno sguardo alle nostre immagini su PINTEREST:


Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK: