ATTENZIONE!!!
CHI VUOLE RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI SETTIMANALI
DEVE CLICCARE SUL PDF SCARICABILE GRATUITAMENTE NELLA COLONNA DI SINISTRA
E COMPILARE IL FORM CHE TROVERA' NELLA NUOVA PAGINA.


martedì 14 aprile 2020

TECNICHE DEL LATO OSCURO – Parte 4


Circe, di Louis Chalon

Per concludere, voglio definire alcuni punti che concernono in maniera più specifica la natura di questa emergenza, prendendo sempre le mosse dalle conoscenze che mi derivano dalla Scienza dell’Anima.

Innanzitutto, occorre dire che virus e batteri abitano normalmente nell’organismo di tutti quanti noi. Anche i virus dell’influenza. Anche il covid-19, che non fa eccezione. Solo in Italia è probabile che ci siano milioni di persone che si portano in giro questo virus. Il virus di per sé non uccide nessuno, tuttavia il suo effetto può essere più o meno importante per l’organismo ospite a seconda del “terreno” che trova. Il punto non è cosa fa il virus, ma come reagisce il nostro organismo. Avete presente coloro che risultano positivi all’HIV, ma non si ammalano di AIDS?

Capite quindi quanto sia inutile, fuorviante e dannoso per la psicologia delle persone sbandierare ogni sera il numero dei “nuovi contagiati” o “nuovi infetti”. Quanti più test facciamo, tanti più “infetti” troveremo, per cui sbattere questi numeri in faccia alla gente serve solo a creare maggiore panico. Non abbiamo idea se gli “infetti” conteggiati ogni sera siano davvero “nuovi” e se l’incremento del loro numero significhi che il virus si stia davvero diffondendo a macchia d’olio; di sicuro sappiamo solo che sono state scoperte altre persone che lo avevano già nel loro organismo, chissà da quanti mesi.

Secondo aspetto di non poco conto, da un certo momento in poi, nel fare la conta dei deceduti si è smesso di distinguere fra coloro che avevano una o addirittura più patologie pre-esistenti e coloro che erano perfettamente sani. Invece è proprio questa distinzione che può far comprendere meglio alle persone quanto questo virus sia effettivamente letale e quanto no, magari diminuendo così il livello generale della paura. Per esempio, registrare un malato terminale – che si prende il covid-19 e muore una settimana prima di quando avrebbe dovuto morire a causa della sua malattia – come un deceduto a causa del virus, per quanto tecnicamente corretto, non mi pare per nulla onesto nei confronti della gente. In questo modo il numero dei deceduti diventa “gonfiato”.

Come ho già spiegato nei miei precedenti articoli, non credo nella malafede di qualcuno, anzi, sono convinto che politici, giornalisti e virologi stiano facendo del loro meglio con il materiale mentale che la natura ha loro concesso. Non voglio criticare il lavoro di nessuno. Dal momento che ho già spiegato la situazione generale, in quest’ultimo articolo mi sto limitando a porre domande e fornire un punto di vista differente.

Una domanda interessante potrebbe quindi essere: «Cosa fa sì che per la grande maggioranza delle persone la presenza del virus sia innocua, mentre alcuni manifestano i sintomi di una forte influenza... e una percentuale minore viene addirittura condotta fino alla morte?»

In altre parole, perché io e te ce ne andiamo entrambi a spasso con il virus, ma a te non fa niente, mentre io finisco in terapia intensiva? Questa è una domanda che potrebbe davvero aiutarci a comprendere. Magari sarebbe anche interessante studiare le condizioni ambientali in cui il virus si è manifestato con maggiore incidenza: inquinamento atmosferico, presenza di eccezionali emissioni elettromagnetiche… per fare degli esempi.
L'uomo che muore, di Luigi Russolo

L’unica risposta che posso dare io concerne l’ambito esoterico: dal punto di vista della Scienza dell’Anima, il virus è la manifestazione fisica d’una forma-pensiero che funge da acceleratore di processi interiori che sono già in atto (che il soggetto lo sappia o meno). Detto in altre parole, anziché morire tra una settimana o tra un mese... muoio oggi. Prima gli anziani con patologie, poi gli anziani senza patologie, poi i giovani con patologie e infine i giovani senza patologie (almeno apparenti). Si va dall’anziano che sarebbe comunque morto tra una settimana, al giovane che sarebbe sì morto... ma magari solo fra un anno o due.

Questo è il sito di riferimento per conoscere le caratteristiche (età, patologie pre-esistenti) dei deceduti (gli aggiornamenti avvengono ogni martedì e ogni venerdì). L’età media dei deceduti adesso è scesa leggermente (78 anni) in quanto ultimamente sono deceduti alcuni pazienti sotto i 50 anni.

Al 9 aprile sono 197 i pazienti positivi al COVID-19 deceduti in età inferiore ai 50 anni, mentre sono 44 i deceduti di età inferiore ai 40 anni. Riguardo questi ultimi, di 7 pazienti non sono disponibili informazioni cliniche, gli altri 29 presentavano gravi patologie preesistenti (patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità) e 8 non avevano diagnosticate patologie di rilievo. Questi 8 sono i famosi “giovani e sani”. Sarebbe interessante conoscere le patologie esistenti anche nella fascia fra i 40 e i 60, ma sul sito non compaiono questi dati.

Dal punto di vista esoterico, non stiamo dunque parlando di un’entità omicida che colpisce a caso fra la popolazione, ma qualcosa che chiama a una sorta di “resa dei conti” coloro per i quali è giunto il momento. Cominciare a ragionare secondo questo nuovo schema di pensiero, modifica di molto la percezione del problema.

Per esempio, mi hanno raccontato personalmente almeno quattro o cinque casi di questo genere: un anziano si sente male, lo portano in ospedale, gli fanno il test, scopre di essere positivo al covid-19. Da qui è l’inizio della fine. Il suo stato psicologico diventa negativo, i sintomi peggiorano e va in insufficienza polmonare. Questo accade proprio perché le persone sono oramai convinte che sia il virus ad ucciderle... mentre ad ucciderle sono i tg che fanno vedere i camion che trasportano le bare. Se sei convinto di avere un virus assassino che circola libero nel tuo corpo, ti occorre una centratura interiore eccezionale per non precipitare psicologicamente. La letteratura scientifica che tratta del rapporto tra efficienza del sistema immunitario, resistenza alle patologie e stato psicologico del paziente è davvero ampia, non ci sarebbe infatti alcun bisogno di ricorrere alla Scienza dell’Anima per comprendere che molte più persone si sarebbero potute salvare in assenza di questo clima di terrore da pandemia.

Detto per inciso, se smettiamo di seppellire le persone e decidiamo da un giorno all’altro di cremarle tutte, risulta piuttosto ovvio che in poche ore i forni crematori di una qualsiasi città si ritrovino intasati e quindi si debba portare le bare da un’altra parte. Ma intanto l’effetto voluto è stato ottenuto e le persone hanno pianto a dirotto di fronte a quelle immagini televisive. L’immagine della bara è una di quelle che maggiormente agisce sulla psiche di noi occidentali, sia a livello conscio che inconscio. Ancora una volta... applausi al Lato Oscuro: nessuna sbavatura, una precisione chirurgica.

Altra considerazione che non posso non fare, per quanto capisco che sia impopolare. Di fronte a un virus possiamo reagire APRENDOCI o CHIUDENDOCI. Questo in realtà vale per una qualsiasi malattia, così come per la comparsa d’una situazione insolita nella nostra vita. Il nostro Governo, imitato poi dalle altre nazioni, ha deciso di chiudersi. Qualche capo di Stato ha resistito un po’ di più (vedi Boris Johnson), ma alla fine tutti hanno ceduto o cederanno. È ancora storicamente troppo presto perché qualcuno trovi il coraggio di fare ciò che in realtà potrebbe benissimo essere fatto: aprirsi al virus.

Da un punto di vista esoterico (non saprei dirvi a quali conclusioni è giunta la scienza profana in proposito) un’epidemia si comporta in questo modo: cresce, raggiunge un apice e poi decresce. Un po’ come accade per qualsiasi altra cosa. Il punto è che lo fa INDIPENDENTEMENTE dalle misure di contenimento adottate. Essa segue il suo corso di crescita-apice-decrescita, sia che noi come società ci chiudiamo, sia che noi ci apriamo psicologicamente al virus. Il numero dei morti non cambia. Questa teoria non è dimostrabile, ma non lo è nemmeno il contrario. E a me non interessa dimostrare nulla, in quanto il mio unico punto di riferimento è la conoscenza iniziatica. Forse un giorno la scienza profana arriverà alle stesse conclusioni... o forse no... io non ho fretta.
Sâr Mérodack Péladan, 1891

Se un’epidemia non fa il suo corso, portandosi via tutti coloro che è venuta a prendere, non cessa. Se alle persone si permette di circolare liberamente, il virus dilaga in un tempo minore, ma questo non significa che chi non doveva ammalarsi si ammalerà e chi non doveva morire morirà... per sbaglio. Se avete deciso di fare un lavoro su voi stessi, questi concetti vi devono essere chiari, altrimenti io non sto svolgendo bene il mio compito. Chiudere un Paese non serve a nulla, se non a dare inizio a una certa condizione psicosociale di depressione e a causare una crisi economica, due aspetti che vanno di pari passo. Sulla necessità di riaprire le attività mi sono espresso in un precedente articolo: Ripartiamo!

Fra qualche mese ci diranno che il numero dei morti poteva essere ben più grande, ma grazie alla chiusura totale e ai sacrifici della popolazione abbiamo evitato il peggio. Un assunto che dal punto di vista dell’esattezza logica rivaleggia con alcuni dialoghi presenti nei film porno.

Questo modo di ragionare mi fa venire in mente una barzelletta. Benjamin se ne andava in giro per il suo giardino battendo un mestolo contro una pentola e facendo un chiasso terribile. Il suo vicino Fritjof lo vede e gli grida: «Hey, Benjamin, ti ha dato di volta il cervello? Perché diavolo stai facendo tutto questo chiasso?»
«Serve a tenere lontane le tigri.»
«Le tigri? Ma cazzo, quello è il tuo giardino Benjamin, non ci sono tigri.»
«Lo vedi che sta funzionando!»

Vi lascio con un ultimo messaggio, che in verità riassume gli ultimi quattro articoli.
Le misure di contenimento sociale che sono state prese, non sono minimamente commisurate alla reale entità del pericolo che l’umanità sta attraversando. Stiamo semplicemente vivendo un’allucinazione collettiva originata attraverso un rituale da alcuni potenti maghi neri, per i fini che ho già chiarito negli articoli precedenti.

Dal momento che TUTTO ha una sua ragione di esistere dal punto di vista spirituale, le azioni messe in atto dal Lato Oscuro hanno lo scopo di tenere prigioniere di un’illusione le persone, ma al contempo non possono evitare di favorire – come effetto collaterale – il risveglio di chi è pronto per realizzarlo. Parlo dell’aspetto positivo di quanto sta accadendo in questi due miei articoli: L’emergenza dal punto di vista spirituale e Adattamento o follia




Tenetevi aggiornati sui siti che non sono allineati con l’informazione ufficiale:


Salvatore Brizzi
[Il mondo è bello, siamo noi ad esser ciechi]





È FINALMENTE USCITO
LE SETTE INIZIAZIONI E COME PREPARARLE
di Salvatore Brizzi

Su MACROLIBRARSI:

Su IL GIARDINO DEI LIBRI:

È ordinabile anche in tutte le librerie.





4 ORE DI VIDEO-SEMINARIO
A SOLI 36,60 EURO
IL LATO OSCURO DELLA FORZA
di Salvatore Brizzi




4 ORE DI VIDEO-SEMINARIO
A SOLI 36,60 EURO
LA VIA DEL DISCEPOLATO
di Salvatore Brizzi








I SEGUENTI TESTI SONO TUTTI ORDINABILI ANCHE IN LIBRERIA:

FILI DI ENERGIA
di Denise Linn
oppure




LE LEGGI DELLO SPIRITO
di Dan Millman
oppure



IL BAMBINO E IL MAGO
di Salvatore Brizzi
e Riccardo Geminiani
oppure












Leggi le frasi che pubblico ogni mattina su TWITTER:


Guarda il profilo su LINKEDIN:


Dai uno sguardo alle nostre immagini su PINTEREST:


Clicca MI PIACE sulla mia pagina FACEBOOK: